Aule immersive, laboratori di realtà aumentate, lavagne 3D: ecco la scuola 4.0, ma occorre formare i docenti

WhatsApp
Telegram

Grazie al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, le aule italiane si apprestano a vivere una metamorfosi digitale. Immaginate un viaggio nell’antico Egitto, esperimenti chimici avanzati o lezioni di inglese da un docente IA, tutto dal comfort della propria aula scolastica. Questo futuro, un tempo relegato ai libri di fantascienza, è ora a portata di mano.

Con un investimento di 2,1 miliardi di euro, come ricorda Il Messaggero, l’Italia mira a trasformare l’istruzione tradizionale. Il denaro sarà utilizzato per digitalizzare le scuole, acquistare attrezzature tecnologiche, rinnovare aule e creare laboratori avanzati. La ripartizione dei fondi varia in base alle dimensioni degli istituti, con le regioni più grandi, come Lombardia e Campania, che ricevono la quota maggiore.

Ma non si tratta solo di fondi e attrezzature. La formazione dei docenti è fondamentale. Per sfruttare al meglio questi avanzamenti tecnologici, gli insegnanti devono essere formati adeguatamente. Le segreterie scolastiche sono attualmente immerse nella pianificazione di programmi di formazione specializzati, in collaborazione con il ministero dell’Istruzione e le aziende tecnologiche.

Gli istituti hanno tempo fino al 30 settembre per presentare i loro progetti, con l’attuazione prevista per l’anno scolastico 2023-2024. L’obiettivo è che tutto sia pronto entro il 2024. Il finanziamento è suddiviso in due percorsi: “Classrooms”, per trasformare digitalmente le aule, e “Labs”, per creare laboratori avanzati nelle scuole superiori.

Questo cambio di paradigma offre alle scuole l’opportunità di rinnovarsi, aumentando il loro appeal. La digitalizzazione non solo migliorerà l’apprendimento, ma potrebbe anche attrarre più studenti durante gli “open day”. È una mossa strategica, soprattutto considerando la riduzione demografica attuale nelle aule italiane.

Nonostante le sfide, l’adesione al progetto “Scuola 4.0” è stata impressionante. Secondo Aura Immersive, il 96,7% dei dirigenti e degli insegnanti partecipa al programma. Tuttavia, solo il 12,3% delle scuole si sente pronto. Ma la speranza è alta: la maggior parte degli intervistati prevede miglioramenti in didattica, coinvolgimento degli studenti e rapporti con il mondo del lavoro.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri