Aule fredde, genitori protestano e assessori promettono: da lunedì riscaldamenti accesi

Stampa

Le proteste dei genitori contro le aule fredde per mancanza di riscaldamento di una scuola in Calabria sono servite.

Gli assessori comunali hanno risposto immediatamente alle lamentele e assicurato le famiglie che domani, lunedì 20, gli studenti avrebbero trovato aule calde, grazie alla fornitura di combustibile.

Per dare un segnale chiaro del malcontento, i genitori degli studenti avevano ritirato gli alunni dalla scuola dopo l’inizio della lezione. Le aule erano troppo fredde e inospitali, perché i riscaldamenti erano rimasti spenti per mancanza di carburante. Oltre che di manifestazione, in realtà, si era reso necessario tutelare la salute dei ragazzi e dei docenti costretti a indossare cappotti e cappelli durante la lezione.

L’iniziativa si era resa necessaria, oltre che per tutelare la salute dei bimbi, – sono le parole dei genitori, pubblicate dal sito StrettoWeb.com –  anche per inviare un messaggio chiaro a chi, nel caldo del proprio ufficio, trincerandosi dietro definizioni e procedure burocratiche sia pur legalmente ineccepibili, ha indubbiamente trascurato di occuparsi dell’emergenza riscaldamenti – e dunque della cura dei nostri figli – come avrebbe invece dovuto secondo basilari principi di responsabilità, buon senso e umanità.”

Stampa

Eurosofia, scopri un modo nuovo e creativo per approcciarti all’arte: “Il metodo del diario visivo” ideato da Federica Ciribì