Audizione Giannini, Pannarrale (SI): imbarazzante, nessun riferimento alle tante criticità dell’avvio dell’anno scolastico

Stampa

L’audizione della ministra Giannini oggi in commissione Cultura è stata deludente e persino imbarazzante.

Nessun riferimento alle tante questioni irrisolte che stanno alimentando disagi, confusione e anomalie in questo inizio di anno scolastico.

Ci saremmo aspettati delle scuse a tutti quei docenti candidati al concorso pesantemente penalizzati da procedure discutibili, tempi frettolosi e dall’assenza di criteri di valutazione puntuali.

Ci saremmo aspettati un’assunzione di responsabilità sulla scelta disastrosa della chiamata diretta, che in alcuni casi ha sfiorato modalità illegittime e discriminatorie nella selezione dei docenti, o sui numerosi errori algoritmici nel piano di mobilità straordinaria che rischiano di travolgere la vita dei docenti e la qualità della didattica.

Completamente inevasa poi anche la questione dei 45 mila “residuali GAE”, coloro che nel rispetto della legge 107 non hanno potuto aderire al piano assunzionale straordinario e che oggi sono bloccati in una condizione di precarietà.
Sinistra Italiana continuerà con ogni strumento parlamentare a chiedere conto delle questioni aperte e della loro risoluzione: una scuola che funziona male e che svilisce i docenti ė una scuola che non fa bene agli alunni e al futuro.

Lo afferma la deputata di Sinistra Italiana Annalisa Pannarale, componente della commissione Cultura di Montecitorio, al termine dell’audizione della ministra Giannini.

Lo rende noto l’ufficio stampa Gruppo Parlamentare Sinistra Italiana

Roma, 21 settembre 2016

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur