Attività motoria in classi in autosorveglianza: se possibile, si svolge all’aperto con 2 metri di distanza. FAQ

WhatsApp
Telegram

Ci sono provvedimenti particolari da osservare nel periodo di auto-sorveglianza per la disciplina scienze motorie? Le classi in auto-sorveglianza svolgeranno le lezioni di scienze motorie, se possibile, all’aperto, mantenendo un distanziamento interpersonale di almeno 2 metri. A fare la precisazione è l’USR Veneto con le FAQ aggiornate il 24 marzo.

Qualora l’attività debba necessariamente essere svolta all’interno della palestra – precisa l’USR -, occorrerà garantire, oltre al suddetto distanziamento minimo, anche una buona aerazione del locale ed il rispetto rigoroso di quanto stabilito dal protocollo scolastico in merito alle misure igienico-sanitarie e di tipo procedurale (nell’organizzazione dei percorsi, nell’uso degli spogliatoi ecc.).

Sarà necessario garantire il distanziamento minimo di 2 m in quanto è ragionevole ritenere che l’obbligo di utilizzare i dispositivi di protezione delle vie respiratorie decada durante lo svolgimento dell’attività motoria (come stabilito dalla L.133/2021 di conversione del DL 111/2021) a maggior ragione per la tipologia FFP2.

La tipologia di attività, individuale o di squadra, rispetterà le indicazioni tecnico-normative vigenti (ad oggi, in zona bianca le attività motorie possono essere individuali e di squadra, privilegiando le prime qualora siano svolte al chiuso).

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur