Attività di recupero apprendimenti, ecco cosa si prevede per scuole primarie e secondarie. Se il governo cade tutto a rischio

Stampa

Ristori pure per la scuola. In questo caso, usando un termine caro alla ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, si può parlare di ristori formativi.

Oltre 300 milioni di euro per recuperare i gap formativi dovuti all’applicazione di troppa didattica a distanza. Così come segnala Il Sole 24 Ore, proprio per non rischiare di “perdere” una generazione di studenti, Lucia Azzolina sta premendo per far entrare nel decreto Ristori, atteso a giorni, un pacchetto di misure da oltre 300 milioni.

La fetta principale dei fondi andrà ai corsi di recupero. Per gli istituti del primo ciclo le nuove risorse serviranno a mettere in campo “attività didattiche compensative”. Si realizzerebbero corsi di consolidamento e recupero degli apprendimenti in presenza», da tenersi in orario extracurriculare, in primo luogo sulle competenze di base.

Per quanto riguarda invece le scuole secondarie, si punta a mettere in campo “iniziative di integrazione, recupero e sostegno degli apprendimenti”, secondo quanto previsto dalle disposizioni vigenti in materia di attività di recupero; e a realizzare “iniziative dirette al contrasto della dispersione scolastica generata”, che proprio nel secondo ciclo di istruzione sta aumentando con preoccupazione.

Con i restanti fondi si punterà a realizzare una corsia preferenziale per i tamponi rapidi e contact tracing, e a potenziare le attività di inclusione e di supporto e assistenza psicologica ai ragazzi.

La cifra di 300 milioni si aggiunge a quella già stanziata nel DL Ristori:  un fondo da oltre 5 milioni (5.532.195 per l’esattezza) per attività didattiche extracurricolari finalizzate al recupero di gap formativi. Le risorse saranno distribuite tra le scuole del primo ciclo (primarie e secondarie di primo grado) con un maggiore svantaggio nei livelli di apprendimento. Sarà il Ministero dell’Istruzione a curare la ripartizione, con un proprio decreto.

Attenzione, però: se l’esecutivo dovesse cadere, a rischio ci sarebbe tutto il decreto Ristori, comprese le misure per la scuola.

Stampa

Concorsi ordinari docenti entro il 2021. Preparati con CFIScuola!