Argomenti Didattica

Tutti gli argomenti

Attività di Pasqua in casa per bambini: UdA per le classi della Primaria

WhatsApp
Telegram

Nel curriculum delle scuole primarie e dell’infanzia (poco anche in quello della secondaria di I grado), le vacanze e le stagioni si prestano a molti interventi educativi. In questo articolo, troverete idee e progetti, anche artistici, per i tuoi studenti. Progetti e idee per avvicinarri alla Pasqua con attrattività e entusiasmo e, per i cristiani, con attenzione a simbologia e scritture. L’articolo si completa con alcune UdA sulla Pasqua, sulla simbologia pasquale e sui riti, sviluppate per tutto il ciclo della primaria.

Il nome di Pasqua

Il nome Pasqua non è mai stato associato alla morte e alla risurrezione di Gesù Cristo nelle Scritture Sacre ed è, in realtà, derivato dalla parola “Eostre”. Eostre era la regina Semiramide, moglie di Nimrod, pronipote malvagio e efficiente di Noè (Genesi 10:6-8).

La storia di Eostre

Nimrod aveva costruito le principali città come Assur, Ninive e Calah (Genesi 10:10-12), note per le loro pratiche di culto malvagie e inimmaginabili e soprattutto per la perversione. A tal riguardo una rievocazione va fatta a Giona. Dopo la morte di Nimrod, la regina Semiramis tenne in vita queste pratiche malvagie deificando Nimrod come il dio del sole. Più tardi, la regina Semiramide diede alla luce un figlio illegittimo, Tammuz. Convinse il popolo che questo figlio era stato concepito in modo soprannaturale e il bambino promesso da Dio in Genesi 3:15. La gente adorava Tammuz come la reincarnazione di Nimrod, ma cosa più importante, la gente adorava la regina Semiramide come la dea madre. L’orribile sacrificio umano, l’idolatria, l’astrologia e il culto satanico in queste false religioni — sole (Nimrod) e luna (Eostre) — continuarono fino al tempo della Torre di Babele. Quando le donne e gli uomini si insediarono, nuovamente, in nuove terre, portarono con sé il loro culto pagano. La regina Semiramis divenne nota come Ostera (una dea anglosassone che simboleggiava la rinascita del giorno e la nuova vita in primavera), Astarte (dea fenicia della luna), Eastre e Ashtaroth o Ashtoreth (la moglie di Baal e la regina del cielo). Gli altri nomi di Nimrod erano Baal, Baalim, Molech, il dio del fuoco e il grande donatore di vita. Qualsiasi lettura dell’Antico Testamento ci permette di verificare quanto fosse forte e deciso la rabbia di Dio contro questa falsa adorazione, ed Ezechiele 8:14 menziona in maniera specifica Tammuz nella sua condanna.

L’origine della Pasqua

L’inizio della Pasqua, per la precisione, risale al rito primaverile iniziato dalla regina Semiramide dopo la morte di Tammuz. Il racconto narra che attraverso le sue lacrime, Tammuz sia resuscitata nella forma reincarnata di una nuova vegetazione sulla Terra. Con la diffusione del cristianesimo, che avvenne secoli dopo, fu pratica comune adattare le feste non cristiane esistenti e assimilarle alla teologia cristiana. Poiché la regina Semiramide (Eostre) era la dea della primavera e il suo simbolismo riguardava il rinnovamento e la rinascita, la fede cristiana che ricorda, dopo il tragico martirio, la risurrezione di Cristo si adatta bene a questi temi. La Pasqua fu inizialmente liquidata come festa pagana e la festa non fu ampiamente osservata.

Uova di Pasqua/Cesti

I babilonesi consideravano l’uovo un simbolo sacro che rappresentava la fertilità e la nuova vita di Ostera (il ciclo di 28 giorni della luna e il ciclo mensile di una donna). I babilonesi prestavano fede in una favola su un enorme uovo caduto dal cielo, nel fiume Eufrate, da cui nacque la regina Semiramide. La morte delle uova è stata osservata nei rituali malvagi che celebrano l’equinozio di primavera. Gli egizi appendevano uova decorate nel tempio e i romani usavano uova decorate in processioni in onore della dea madre. I Druidi usavano l’uovo come loro emblema sacro. Galli, cinesi e persiani usavano anche uova colorate per le loro antiche feste primaverili pagane per rappresentare la rinascita. Durante il Medioevo, gli europei raccoglievano uova di uccelli di diversi colori dai nidi per usarle come amuleti contro il male e portare loro fortuna. In seguito, la pittura delle uova divenne più popolare. Ora, il cesto pasquale è usato per rassomigliare ai nidi degli uccelli.

Progetti di Pasqua

Conigli pasquali, caccia alle uova, fiori primaverili e cuccioli di animale sono tutti simboli della primavera e della Pasqua. Ci sono una varietà di attività artistiche da fare legate alla Pasqua che i tuoi studenti adoreranno. Per fortuna, questi progetti hanno tutti facilmente collegamenti anche con la maggior parte dei programmi di studio delle scuole elementari. In questo articolo troverai una varietà di idee da utilizzare e attuare con i tuoi studenti.

Animali primaverili

Per questo progetto, gli studenti guarderanno diversi animali nati in primavera (pecore, conigli, galline, uccelli, ecc.). Per prima cosa, parla di questi animali e del perché sono associati alla primavera. Potresti iniziare chiedendo agli studenti a quali animali pensano quando arriva la primavera. Successivamente, chiedi agli studenti di creare un’immagine utilizzando qualsiasi materiale a tua disposizione (matite colorate, pittura, collage di carta, pennarelli, ecc.) per disegnare una scena che includa almeno due diversi tipi di animali associati alla primavera e alla Pasqua. A seconda del livello e delle capacità dello studente, chiedi agli studenti di spiegare la loro immagine alla classe (o a un partner se il tempo non consente a tutti gli studenti di condividerla) o scrivere una descrizione della loro immagine. Potrebbero, volendo, inventare storie piacevoli e a lieto fine (amore, amicizia, famiglia e pace con protagonisti gli animaletti primaverile). Scrivere non è un’attività destinata solamente a bambini. Attrezzati, dunque, e lavora anche per gli studenti dei cicli superiori. Tutto è possibile e realizzabile.

Materiali necessari: materiali da colorare, carta per fotocopie

Uova Fabergé

Tra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo, il gioielliere Peter Carl Fabergé costruì quasi 70 bellissime uova decorative per la famiglia reale russa. Sebbene alcune siano andate perse o distrutte nel tempo, queste uova sono una delle opere d’arte più famose di questo periodo storico in Russia. In questo progetto, gli studenti creeranno le proprie uova Fabergé su carta. Inizia mostrando agli studenti diverse immagini delle uova. Avere diverse immagini ravvicinate, in modo che gli studenti possano vedere i minimi dettagli. Quindi, insegna agli studenti la storia delle uova. Per gli studenti più grandi, consenti loro di fare ricerche indipendenti su un tablet o un computer. Infine, gli studenti creeranno il proprio uovo su un pezzo di carta. Consegna a tutti gli studenti un pezzo di cartoncino pesante con il contorno di un uovo sulla carta. Consenti, dunque, agli studenti di creare il loro uovo utilizzando una varietà di materiali. Pensa a includere alcune cose che gli studenti normalmente non possono usare come paillettes, bottoni, carta velina, ecc. Una volta che hanno finito, gli studenti condivideranno le loro uova con la classe. Chiedi agli studenti più grandi di scrivere un paragrafo di 3-5 frasi su come il loro uovo è stato ispirato dalle uova Fabergé.

Materiali necessari: cartoncino a forma di uovo, materiale artistico, tecnologia per la ricerca degli studenti (opzionale)

Altre attività pasquali

Prova alcune di queste sfide pasquali che citano le uova con i bambini della tua classe:

  • Disegna alcune confezioni per un uovo di Pasqua.
  • Crea un annuncio per promuovere un uovo di Pasqua. Questo potrebbe essere per un poster/cartellone pubblicitario, una pubblicità su display digitale o una pubblicità per radio/televisione/cinema.
  • Scrivi una ricetta per un delizioso dolcetto pasquale… o prova a seguire una ricetta per crearne una nuova tutta tua!
  • Disegna un cesto pasquale che possa portare i tuoi dolcetti pasquali!
  • Crea un fumetto o un’animazione a tema pasquale.
  • Crea un cappello pasquale da indossare durante le tue celebrazioni pasquali.
  • Costruisci un uovo di Pasqua.
  • Disegna un biglietto di Pasqua da inviare a un amico.
  • Scrivi la tua poesia a forma di Pasqua.
  • Scopri come si festeggia la Pasqua in diverse parti del mondo. Potresti creare un notiziario o un ebook per insegnare agli altri ciò che scopri?
  • Progetta un gioco con un tema pasquale.
  • Progetta alcune immagini simmetriche dell’uovo di Pasqua.
  • Organizza una caccia alle uova di Pasqua che altri possano provare. Puoi impostare alcuni indizi e nasconderli in luoghi sicuri intorno alla tua classe/scuola?
  • Progetta un gioco di carte/da tavolo con un tema pasquale.

Cosa significano i simboli della Pasqua?

Tutte le festività hanno simboli di coordinamento per accompagnarle e la Pasqua non fa eccezione! Sebbene tu possa avere familiarità con la maggior parte dei simboli della Pasqua, potresti non sapere perché hanno un significato. Qui, analizziamo alcuni dei simboli più comuni:

Conigli e lepri simboli delle antiche lune

I conigli (in realtà, lepri) sono un simbolo delle antiche lune. La data di Pasqua dipende dai cicli lunari di ogni anno, motivo per cui non è una delle festività con una data prestabilita. I primi cristiani consideravano il simbolo di una lepre che esce dalla sua tana simile a Cristo che esce dalla tomba. Alcuni ritengono che questo sia un esempio di cristiani che assegnano un significato cristiano a qualcosa che è apparentemente irrilevante.

Uova: la vita e i cicli vitali

Le uova rappresentano la vita e i cicli vitali. Alcuni popoli credevano che il mondo fosse iniziato con un grande uovo. Tra questi gruppi c’erano indù, egiziani e fenici. I primi cristiani, tuttavia, decisero che le uova sarebbero state adatte come parte delle celebrazioni del Giorno della Resurrezione. Oggi ci godiamo feste come la morte delle uova come parte delle attività annuali di Pasqua. La tradizione della caccia alle uova di Pasqua derivava dai bambini tedeschi che nascondevano i nidi da riempire di prelibatezze a Pasqua. Ripieno le uova di plastica, quindi, non era troppo inverosimile da questa pratica!

Gigli di Pasqua e purezza di Cristo

Oltre ad essere un bellissimo fiore, si dice che il giglio di Pasqua sia emerso dall’antica dea romana Flora che si credeva facesse sbocciare tutti i fiori. I gigli pasquali servirono come promemoria della purezza di Cristo.

Agnelli, purezza e rinnovamento

Gli agnelli sono probabilmente i simboli più innocenti (significato, senza legami pagani) della Pasqua. Gli agnelli nascono in primavera, quindi sono un perfetto simbolo primaverile. Inoltre, i cristiani preferivano il simbolo dell’agnello, probabilmente perché l’agnello è messo in una luce positiva nella Bibbia. Oggi gli agnelli rappresentano purezza e rinnovamento.

Le UdA sulla Pasqua

A completamento dell’articolo alcune UdA dell’Istituto Comprensivo 1 di Frosinone diretto dalla Dirigente Scolastico, Prof.ssa Edina Furlan, un vero vulcano di idee e progettualità. Le UdA realizzate dalle eccellenti docenti della scuola interessa l’insegnamento della religione cattolica per tutto il ciclo della primaria.

La Pasqua in insegnamento della religione cattolica – tutta la primaria

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur