Attività alternative all’IRC, vanno attivate anche in presenza di una sola richiesta. Lettera

ipsef

item-thumbnail

Inviato da Andrea Atzeni – Ricordo a quanti seguono questo sito, studenti e loro genitori ma soprattutto docenti, quanto vi era stato a suo tempo opportunamente segnalato:

Iscrizioni 2019/20: modello iscrizione infanzia, religione e attività alternative

A inizio anno scolastico agli studenti che hanno scelto di non avvalersi
dell’insegnamento della religione cattolica va sottoposto il modulo
ministeriale che prevede quattro ben distinte alternative: l’uscita
dall’istituto, lo studio autonomo nei locali dell’istituto, lo studio
assistito da docenti, le attività didattiche e formative alternative.

In particolare è doveroso ricordare che tali ultime “attività
didattiche”, se richieste da almeno uno studente, devono essere
obbligatoriamente erogate dalle scuole, anche perché sono le uniche a
comportare una piena parità con gli alunni che seguono gli insegnamenti
cattolici, prevedendo un apposito insegnante che impartisce lezioni e
assegna valutazioni, e che partecipa a pieno titolo a consigli di classe e
scrutini.

Approfitto di questo spazio per rammentarlo a tutti, visto che si continua
ad avere notizia di scuole che si limitano a offrire solo la generica
opzione tra uscita e assembramento nei più vari locali. A tale scopo
alcune di esse arrivano ad alterare la modulistica ufficiale, purtroppo
(l’ho verificato di persona) nel totale disinteresse degli uffici
ministeriali sia centrali sia territoriali.

Personalmente lo scorso a.s. mi sono imbattuto in tre istituti del comune
di Milano che tale modulistica pubblicavano candidamente sul proprio sito
istituzionale. In un caso si trattava addirittura di un istituto
comprensivo, che in questo modo andava a ledere i diritti dell’utenza
più debole, quella infantile, discriminandone una componente minoritaria.

Invito gli studenti e le loro famiglie a denunciare pubblicamente simili
abusi. Anche i docenti, oltre a fare lo stesso, dovrebbero anzitutto
evitare di prestarsi a contribuire in alcun modo a porre in essere simili
storture.

Versione stampabile
anief banner
soloformazione