Ata in subbuglio: le quote di mobilità professionale e docenti inidonei tolgono posti ai precari

Di Lalla
Stampa

Lalla – In questi giorni gli Uffici scolastici sono al lavoro per la definizione dei posti da assegnare al ruolo, tenuto conto della pre-intesa sulla mobilità professionale firmata il 19 luglio, secondo la quale si proroga la validità delle graduatorie della mobilità professionale del personale ATA, da utilizzare nel contesto del piano triennale per le assunzioni a tempo indeterminato, e delle domande che si apprestano a presentare i docenti inidonei. Ma l’indicazione secondo cui tali posti non toglieranno ruoli non convince il personale precario. Le lettere in redazione illustrano la situazione della provincia di Salerno, Napoli, Frosinone, Trapani.

Lalla – In questi giorni gli Uffici scolastici sono al lavoro per la definizione dei posti da assegnare al ruolo, tenuto conto della pre-intesa sulla mobilità professionale firmata il 19 luglio, secondo la quale si proroga la validità delle graduatorie della mobilità professionale del personale ATA, da utilizzare nel contesto del piano triennale per le assunzioni a tempo indeterminato, e delle domande che si apprestano a presentare i docenti inidonei. Ma l’indicazione secondo cui tali posti non toglieranno ruoli non convince il personale precario. Le lettere in redazione illustrano la situazione della provincia di Salerno, Napoli, Frosinone, Trapani.

Frosinone, nessun posto di ruolo per gli assistenti amministrativi

Salerno, tagli personale Ata. Presidio Cobas Scuola all’USP il 23 agosto

Quadro analitico delle assunzioni del personale ATA della provincia di Napoli

Napoli, ingiustizia per gli assistenti amministrativi

Trapani: zero immissioni in ruolo assistenti amministrativi, eppure ci sono 12 posti!

Immissioni in ruolo ATA: dare il posto a chi non ce l’ha

Posti per immissioni in ruolo ATA: in realtà non sono 36.000

Comunicato FLC CGIL su mobilità professionale Ata

Stampa

Eurosofia, scopri un modo nuovo e creativo per approcciarti all’arte: “Il metodo del diario visivo” ideato da Federica Ciribì