ATA, stop appalti pulizia. Gallo: “Farò di tutto per realizzare il progetto delle 12mila assunzioni”

di Ilenia Culurgioni
ipsef

item-thumbnail

Si attende il decreto per il concorso che dal 1° gennaio 2020 porterà allo stop agli appalti di pulizia nelle scuole. Le ultime vicende politiche hanno messo in forse la stabilizzazione degli ex lsu e appalti storici, ma l’Onorevole Luigi Gallo (M5S) è intervenuto su Facebook, tranquillizzando i lavoratori e le lavoratrici che attendono la pubblicazione del decreto.

Le parole di Luigi Gallo

Il Presidente della VII Commissione Cultura alla Camera è intervenuto sulla propria pagina Facebook con un post sulla delicata fase politica che il Paese sta attraversando.

Un utente ha chiesto all’Onorevole Gallo aggiornamenti in merito al decreto attuativo per i lavoratori delle cooperative esterne di pulizia e se questo sarà pubblicato a settembre, come promesso. Gallo ha risposto: “Farò di tutto, finché resto in Parlamento, per realizzare il progetto delle 12mila assunzioni. Il decreto secondo il Capo del Gabinetto del Ministro è stato spedito alla presidenza del Consiglio dopo le osservazioni dei sindacati confederali”.

Concorso stop appalti di pulizia

Si ricorda che, dopo l’incontro al Miur del 1° agosto, i sindacati confederali avrebbero dovuto fare le proprie osservazioni sul decreto, sui punti meno chiari di quest’ultimo. I principali dubbi delle organizzazioni sindacali riguardavano la composizione della platea dei lavoratori e la discordanza tra il numero dei lavoratori e quello dei posti accantonati (11.507).

Era ormai quasi tutto pronto per la pubblicazione del decreto destinato all’internalizzazione dei servizi di pulizia, nonostante i ritardi dovuti alla particolare e complessa procedura che ha coinvolto più Ministeri. L’improvvisa crisi di Governo ha fatto pensare che inevitabilmente ci sarebbe stato un ulteriore ritardo o addirittura un blocco per il concorso.
Le parole odierne di Gallo fanno invece pensare che tutto proceda e presto verrà reso noto il decreto, che delineerà requisiti e iter della procedura concorsuale.

Il concorso, come stabilito dalla legge di bilancio 2019, porterà all’assunzione di quasi 12mila collaboratori scolastici, sbloccando i posti rimasti accantonati per anni. Questi ultimi, stando alle dichiarazioni dell’Onorevole Gallo, nel giro di pochi anni torneranno liberi per gli altri precari ATA, considerando che diversi lavoratori sono prossimi alla pensione.

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione