ATA, sorveglianza alunni è uno dei compiti principali del collaboratore scolastico

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Mansioni Collaboratore Scolastico: la sorveglianza prima di tutto! 

Un collaboratore scolastico chiede

Salve volevo chiedere un chiarimento riguardo la sorveglianza.   Nel I.C. dove lavoro per motivi di costruzione dell ‘edificio e logistica, anche per numero insufficiente di collaboratori stessi. Quotidianamente viene lasciato un   piano scoperto perché uno collaboratore deve stare all’entrata dove non ci sono classi ma solo uffici di segreteria, ovvero fare il ricevimento. La domanda e questa:   dove e più importate che sia il collaboratore al piano o all’ entrata della scuola??

di Giovanni Calandrino – Le mansioni del Collaboratore Scolastico (AREA A) sono:

Esegue, nell’ambito di specifiche istruzioni e con responsabilità connessa alla corretta esecuzione del proprio lavoro, attività caratterizzata da procedure ben definite che richiedono preparazione non specialistica. È addetto ai servizi generali della scuola con compiti di accoglienza e di sorveglianza nei confronti degli alunni, nei periodi immediatamente antecedenti e successivi all’orario delle attività didattiche e durante la ricreazione, e del pubblico; di pulizia dei locali, degli spazi scolastici e degli arredi; di vigilanza sugli alunni, compresa l’ordinaria vigilanza e l’assistenza necessaria durante il pasto nelle mense scolastiche, di custodia e sorveglianza generica sui locali scolastici, di collaborazione con i docenti. Presta ausilio materiale agli alunni portatori di handicap nell’accesso dalle aree esterne alle strutture scolastiche, all’interno e nell’uscita da esse, nonché nell’uso dei servizi igienici e nella cura dell’igiene personale anche con riferimento alle attività previste dall’art. 47.

La sorveglianza sugli alunni è di vitale importanza, basti pensare alle ultime tragedie accadute. Il nostro lettore ci propone una realtà ormai comune in tantissime scuole italiane, dove a causa dei tagli al personale non si riesce a garantire la sorveglianza sugli alunni.

Consiglio al nostro lettore di farsi mettere per iscritto (con ordine di servizio) la disposizione di accoglienza dell’utenza in portineria con conseguente assenza dal reparto.

Versione stampabile
Argomenti:
soloformazione