Ata solo per un giorno alla settimana da 4 anni. Salvatore fa il pendolare tra Napoli e Pordenone: “1600 km per 200 euro, ma non mollo”

WhatsApp
Telegram

Un’altra storia di lavoratori che macinano chilometri per potersi recare al lavoro. Dopo la storia di Giuseppina che raccontava di fare tutti i giorni avanti e indietro Napoli-Milano, c’è la storia di Salvatore.

Salvatore Sorrentino fa il collaboratore pendolare da 4 anni: ogni settimana viaggia da Napoli a Pordenone. Il 36enne ha ottenuto la nomina, a tempo determinato, all’Isis Mattiussi-Pertini, dove lavora sei ore a settimana, il sabato. Il contratto da precario in scadenza il prossimo 30 giugno, gli garantisce uno stipendio minimo di 200 euro al mese, che investe nelle spese di trasporto.

A raccontare la sua storia, che richiama quella di Giuseppina che ha ottenuto un posto a Milano, è il Messaggero Veneto di oggi.

“Parto da Napoli ogni venerdì sera per raggiungere Pordenone, dove lavoro dalle 8 alle 14 di sabato. Completato il mio orario di lavoro settimanale torno a casa. Generalmente arrivo all’alba di domenica. Andata e ritorno percorro 1.600 chilometri a bordo di bus, treni o aerei”.

Poi aggiunge: “Da quattro anni faccio il pendolare per un giorno di servizio a settimana. A scuola, ogni sabato, i colleghi mi chiedono com’è andato il viaggio della speranza. Se me la vedo brutta chiedo ospitalità a un collega a Cordenons per riposare qualche ore il venerdì notte. Succede quando arrivo a destinazione con qualche ora di anticipo. In questo caso le spese aumentano di 25 euro”.

Salvatore spiega il motivo del suo “sacrificio”: “Sto affrontando un bel sacrificio per sei punti annuali in graduatoria. Quest’anno dovrei farcela a ottenere l’assunzione in ruolo, sono iscritto alla graduatoria Ata 24 mesi e quindi non mollo”.

Leggi anche

Da Napoli a Cuneo per lavorare come collaboratore scolastico, la storia di Giuseppe: “Ho lasciato la mia compagna e mia figlia di 4 anni. Ma non mi lamento, c’è chi un lavoro non ce l’ha”

Giuseppina che da Napoli va a Milano in treno per lavorare? I dubbi sulla veridicità della storia della collaboratrice scolastica. “Digito ergo sum”, dai social ai cacciatori di bufale

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur