ATA, orario di lavoro continuativo e antimeridiano

Ata, conferimento supplenze da graduatorie d'istituto

Orario di lavoro del personale ATA è normato all’art. 51 del CCNL scuola/2007. Attenzione alla contrattazione di istituto. 

Chiede un nostro lettore

Sono un Cs , lavoro in un comprensivo su plesso delle medie, con circolare il DS ci ha anticipato consentisse un referendum l’opzione a Luglio e agosto di 7.12 oppure di 6 ore, invece x giugno con circolare a parte si va verso la direzione x le due settimane centrali di effettuare sempre 7.12. ma dalle 12.00 alle 19.12, vi domando ma tutto questo è consentito, visto che durante l’intero anno scolastico l’articolazione dell’orario era uno slittamento mascherato, 7.30-11.30 e rientro 12.45-17.45 martedì e giovedì. grazie attendo risposta

di Giovanni Calandrino – Gent.mo, innanzitutto chiariamo da subito che NON È CONSETITO lo “slittamento mascherato” (orario di servizio spezzato dalle 7.30-11.30 e rientro 12.45-17.45).

Ricordo al suo Dirigente che l’orario di lavoro del personale ATA è continuativo e nelle ore antimeridiane, così come afferma l’art. 51 del CCNL scuola/2007 che di seguito le riporto:

“L’orario ordinario di lavoro è di 36 ore, suddivise in sei ore continuative, di norma antimeridiane, o anche pomeridiane per le istituzioni educative e per i convitti annessi agli istituti tecnici e professionali.

In sede di contrattazione integrativa d’istituto saranno disciplinate le modalità di articolazione dei diversi istituti di flessibilità dell’orario di lavoro, ivi inclusa la disciplina dei ritardi, recuperi e riposi compensativi sulla base dei seguenti criteri:
• l’orario di lavoro è funzionale all’orario di servizio e di apertura all’utenza;
• ottimizzazione dell’impiego delle risorse umane;
• miglioramento della qualità delle prestazioni;
• ampliamento della fruibilità dei servizi da parte dell’utenza;
• miglioramento dei rapporti funzionali con altri uffici ed altre amministrazioni;
• programmazione su base plurisettimanale dell’orario
In sede di contrattazione, inoltre, si dovranno decidere le modalità di restituzione delle prestazioni eccedenti l’orario di servizio.
Posto che l’orario di lavoro del personale collaboratore scolastico nelle singole istituzioni scolastiche:
• è continuativo e non può essere “spezzato”;
• è prestato su una singola sede di servizio;”

L’orario di lavoro va deciso ad inizio anno scolastico e non può subire variazioni in corso d’opera.

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia