ATA. Ognuno ha il suo carico di lavoro secondo le sue responsabilità. Lettera

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Inviato da Silvia De Martino – Ho letto la risposta alla mia lettera dell’Assistente Amministrativa Antonella Vanzolini, la quale dice che tutto ciò che io ho evidenziato in quanto a insostenibilità del carico di lavoro e mancato riconoscimento del ruolo, in un contesto generale di funzionamento delle scuole darivedere, è in primis scaricato sugli assistenti, che, a detta della signora Vanzolini, sarebbero coloro che si fanno carico di tutto il lavoro amministrativo.

Evidentemente la signora Antonella è una assistente capace ed efficiente. Non conosco il suo ambiente di lavoro, per quanto non c’è molta differenza tra scuola e scuola, nè i suoi colleghi, tantomeno il DSGA in servizio nella scuola, che probabilmente, fortunato lui, si avvale appieno del suo prezioso supporto.

Capisco che ognuno abbia le sue ragioni, e il carico di lavoro è pesante per tutti, ma riscriverei riga per riga tutto ciò che ho scritto nella lettera, che non voleva sminuire nessuno ma evidenziare il disagio generale che si vive nelle scuole visto con gli occhi di un DSGA, figura praticamente sconosciuta da tanti, tranne quando si tratta di scaricare responsabilità e lavoro che agli altri non piace. Siamo noi in primis a dover fare gran parte del lavoro, noi che veniamo chiamati in causa se qualcosa non funziona. I fornitori vogliono avere a che fare con il DSGA se ci sono problemi. Io mi scarico e gestisco tutte le fatture e i pagamenti e non solo. E come me tanti altri colleghi. Credo che la signora Antonella dovrebbe far valere le sue ragioni in altra sede.

Cordialmente
Silvia De Martino

Tutto il lavoro di segreteria ricade sul personale amministrativo. Lettera di risposta alla DSGA

Versione stampabile
anief anief
voglioinsegnare