Ata, molti posti vuoti a Torino. Subito nomine dalla terza fascia

di Ilenia Culurgioni
ipsef

item-thumbnail

Supplenze ATA: sono numeri preoccupanti quelli emersi nelle scuole piemontesi. Le graduatorie di seconda fascia non si aggiornano da anni, si passerà presto alla terza. 

La denuncia della Uil, riportata da Repubblica, arriva proprio a pochi giorni dall’inizio delle lezioni, previsto per il 9 settembre, del nuovo anno scolastico.

Le immissioni in ruolo del personale Ata a Torino e provincia sono state 349, su un totale di 547 posti. Nell’intera regione piemontese sono 1386 per tutto il comparto.

La denuncia della Uil

Diego Meli, segretario regionale Uil scuola, riferisce: “Si sono concluse le nomine per la prima fascia, quella che comprende chi ha almeno 24 mesi di servizio, e sono rimasti 390 posti vacanti.  Poi si passerà a una graduatoria che è obsoleta perché risale a 20 anni fa”. Elenco nominati 1Elenco nominati 2

Il riferimento è alla seconda fascia delle graduatorie di istituto, che sono ad esaurimento, aggiornate con dm 75 del 2001, quasi vent’anni fa. Vi  si accedeva con 30 giorni di servizio, anche non continuativi, nel profilo professionale richiesto. Periodicamente si è proceduto al rinnovo della scelta delle sedi, ma neanche questo avviene più da un paio d’anni.

Il sindacalista Meli spiega che nelle graduatorie sono presenti persone nate anche nel 1952, mentre ci sono pochi giovani. Prosegue poi il segretario: “È una graduatoria che andrebbe sfoltita e aggiornata, risponde a un sistema di reclutamento vecchio. Questo significa che le scuole dovranno affrontare un gran lavoro per cercare personale, attingendo dalla terza fascia, ma i tempi stringono”.

Subito nomine dalla terza fascia

I posti verranno perciò coperti dal personale presente nelle graduatorie di terza fascia, tramite l’assegnazione di supplenze, molte delle quali al 30 giugno.

La situazione più preoccupante potrebbe presentarsi negli istituti scolastici distanti da Torino e hinterland, quelli che risultano essere più difficili da raggiungere.

Meli si sofferma anche sui numeri insufficienti dell’organico di fatto, che non possono soddisfare le esigenze per un buon funzionamento delle scuole: dei 1.034 posti richiesti dal provveditorato di Torino, ne sono stati assegnati 474 dall’Ufficio scolastico regionale.

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione