ATA III fascia: ecco in quali province è più facile lavorare. I candidati hanno il 2,31% di possibilità. Studio UIL

WhatsApp
Telegram

In attesa dell’apertura della graduatorie di terza fascia ATA, la UIL scuola ha pubblicato un dossier nel quale ripercorre le statistiche tra domande presentate e totale supplenze assegnate, nonché la percentuale per provincia di supplenze rispetto alle domande.

I dati statistici, raccolti tra il 2021 e il 2023 raccontano che su 2.178.949 domande totali presentate per l’iscrizione alle graduatorie, le supplenze sono state 50.421, per una percentuale del 2,31% di possibilità di lavoro. Il sindacato ricorda che i dati sono riferiti alle sole supplenze fino al termine delle attività didattiche e quelle annuali.

In quale Regioni si lavora di più?

Dai dati forniti dal sindacato abbiamo estrapolato quelli relativi alle Regioni. Come facilmente ipotizzabile, è il Nord ad offrire le maggiori opportunità, con il Piemonte che mostra un 4.30% di supplenze assegnate rispetto alle domande e posti disponibili, seguita da Veneto, FVG, Emilia Romagna e Lombardia. In coda Regioni come Calabria, Campania, Puglia e Sicilia, con uno

 

In quale provincia si lavora di più?

Se guardiamo al dato provinciale, che interessa maggiormente quanti si iscrivono in graduatoria, lo scenario non cambia. Sono sempre le province del Nord ad offrire maggiore possibilità di lavoro. Per comodità abbiamo inserito le 20 province in cui ci sono più possibilità lavorative.

In quali province si lavora di meno?

Le province che hanno una minore possibilità lavorativa sono collocate sempre a Sud

Per avere i dati statistici di tutte le province, nonché le soluzioni proposte dalla UIL, scarica il DOSSIER UIL SCUOLA RUA TERZA FASCIA ATA

WhatsApp
Telegram
Pubblicato in ATA

Corsi di inglese: lezioni ed esami a casa tua. Orizzonte Scuola ed EIPASS, scopri l’offerta per livello B2 e C1