ATA graduatorie III fascia: quale modello compilare in caso di “decreto rettifica punteggio”

di Giovanni Calandrino
ipsef

item-thumbnail

Chi è già inserito nella III fascia delle graduatorie ATA per il triennio 2014/17 ed ha avuto un decreto di rettifica del punteggio, quale modello deve compilare per il nuovo triennio 2017/20?

Innanzitutto chiariamo chi deve presentare il mod. D1 e chi il mod. D2

Chi si iscrive per la prima volta dovrà utilizzare il Modello D1

Il suddetto modello deve essere compilato anche da

  • chi era inserito nelle graduatorie di terza fascia del triennio 2011-2014, ma non ha rinnovato l’iscrizione nelle graduatorie del triennio 2014-17;
  • chi cambia il titolo di accesso per uno o più profili;
  • chi aggiunge un nuovo profilo a quelli in cui già figurava nel triennio 2014-17;
  • il personale già incluso nelle graduatorie provinciali permanenti/ad esaurimento del personale ATA di una determinata provincia che intenda includersi nelle graduatorie di terza fascia di provincia diversa, previo depennamento dalle suddette graduatorie provinciali (art. 2 comma 3 del DM 640 del 30 agosto 2017).

Gli aspiranti già inseriti nelle graduatorie di terza fascia ATA nel triennio 2014-17 che intendono unicamente confermare l’iscrizione presentata nel 2014 (anche in scuola o provincia diversa), o che devono aggiungere uno o più titoli culturali (diversi dal titolo di accesso) e/o uno o più servizi alla domanda del 2014, devono presentare il Modello D2.

Quindi la scelta del modello corretto, dipende dai requisiti appena esposti.

Il decreto di rettifica punteggio non modifica i requisiti appena enunciati, in quanto il punteggio relativo alle graduatorie 2014/17 è già stato aggiustato e pertanto convalidato come punteggio precedentemente dichiarato.

Graduatorie III fascia ATA. Al via aggiornamento, tempo fino a fine ottobre. Le guide e i modelli di domanda

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione