ATA, gestione comune di servizi tra scuole in rete. Quali attività è possibile svolgere

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il Miur, come già riferito, ha pubblicato il decreto interministeriale relativo agli organici ATA per l’a.s. 2018/19.

Il decreto è stato trasmesso tramite la nota n. 29073 del 22 giugno 2018, nella quale troviamo un paragrafo dedicato alla gestione comune, tra le scuole, di funzioni e servizi amministrativi.

Gestione comune di servizi e funzioni

La nota, richiamando quanto previsto dalla legge n. 107/2015, sottolinea che le scuole possono collegarsi in rete, ai fini dello svolgimento di attività a carattere amministrativo, tecnico e gestionale ovvero di servizi di interesse comune.  Tra tali attività si ricordano l’inserimento degli alunni diversamente abili e l’apertura e la chiusura dei locali in cui funzionano i punti di erogazione del servizio.

La gestione comune delle suddette attività si propone la finalità di razionalizzare gli adempimenti a carico delle scuole e migliorare l’efficacia e l’efficienza dei servizi erogati. 

Attività indicate nella legge 107/2015

La legge 107/15 indica le attività che le reti di scuole possono svolgere al fine suddetto:

  • istruttoria sugli atti relativi a cessazioni dal servizio
  • pratiche in materia di:

– contributi e pensioni

– progressioni e ricostruzioni di carriera

– trattamento di fine rapporto del personale della scuola

  • ulteriori atti non strettamente connessi alla gestione della singola
    scuola

nota Miur 

Decreto Interministeriale organici ATA 18-19

Tabelle organici 2018/19

Organici ATA 2018/19, tagli e incremento di posti per regione. Penalizzate Campania, Puglia e Sicilia. Tutti i numeri

Organici ATA 2018/19, indicazioni Miur. La nota, il decreto e le tabelle

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione