ATA. FLCGIL, informatizzazione segreterie è una favola, intanto MIUR taglia 2mila posti

di redazione

Dure le reazioni da parte dei sindacati all'avvio dei tagliprevisti dalla Legge di stabilità che prevede il taglio di 2.020 posti.

Dure le reazioni da parte dei sindacati all'avvio dei tagliprevisti dalla Legge di stabilità che prevede il taglio di 2.020 posti.

Ricordiamo che il taglio è subordinato all'avvio di un processo di informatizzazione delle segreterie che dovrà sostituire il "lavoro dell'uomo".

I sindacati lamentano che il MIUR ha già dato indicazioni alle segreterie su come operare i tagli previsti dalla Stabilità prima dell'incontro informativo.

"Questo ulteriore taglio agli organici del personale ATA è inaccettabile e intendiamo denunciare la gravità di queste misure, poiché – scrivono in un comunicato – queste misure avranno delle pesanti ricadute sull’integrità e qualità del servizio, nonché sulla sicurezza degli alunni, già dall’avvio dell’anno scolastico."

Tagli "strumentali", affermano, perché "ci vorrà del tempo prima che vada a regime, mentre i tagli del personale saranno effettivi dal 1^ settembre prossimo."

Secondo il sindacato si tratta, da parte del MIUR, di una richiesta illegittima e dà 24 ore di tempo prima di avviare la concertazione.

Versione stampabile
Argomenti:
soloformazione