ATA, Anquap alla Fedeli: situazione emergenziale. Necessario concorso DSGA, nel 2017/18 1.700 posti vacanti

WhatsApp
Telegram

comunicato Anquap – Intervenire subito per risolvere i problemi urgenti che gravano sui servizi amministrativi scolastici e raccogliere il grido di allarme del personale ATA. È questa la richiesta che scaturisce dalla lettera aperta indirizzata a Valeria Fedeli, Ministra dell’Istruzione, Università e Ricerca, da Giorgio Germani, Presidente di Anquap, l’Associazione Nazionale Quadri delle Amministrazioni Pubbliche.

“Le attività e funzioni delle Istituzioni Scolastiche – scrive Germani – sono state significativamente modificate e aumentate per quantità e qualità dalla recente legge di riforma della scuola che, però, non si è minimamente (pre)occupata dei servizi amministrativi e del relativo personale”.

Situazione delicata in particolare per quanto riguarda i Direttori SGA: 

“Dall’istituzione del profilo professionale, avvenuta nell’ormai lontano settembre del 2000, non sono stati mai banditi concorsi, nel 2010 vi è stato un percorso di mobilità professionale verticale che ha consentito a circa 900 unità di Assistenti Amministrativi di passare Direttori SGA e al momento i posti vacanti sono superiori alle 1.200 unità, con sofferenze enormi in alcune realtà regionali del centro – nord. Con l’inizio del prossimo anno scolastico avremo circa 500 pensionamenti. Il che porterà l’ammontare delle “scoperture” a circa 1.700 unità corrispondenti ad oltre il 20% dei posti in organico di diritto. Una situazione oggettivamente impossibile da mantenere, che impone l’emanazione urgente del bando di concorso per reclutare i Direttori SGA su tutti i posti vacanti e disponibili”.

Tra i motivi di preoccupazione anche l’atto del Governo sottoposto a parere parlamentare riguardante lo schema di decreto legislativo sulle modifiche e integrazioni al Testo Unico del Pubblico Impiego, in cui “spiace constatare come il personale ATA venga escluso dalla nuova disciplina del lavoro flessibile, mantenendo per il reclutamento a tempo determinato l’ormai obsoleta normazione che non si applica ai Direttori SGA. Purtroppo, lo schema esclude il personale ATA anche dalla disposizione concernente il superamento del precariato nelle pubbliche amministrazioni. Entrambi le esclusioni risultano incomprensibili. Una diversa attenzione ai servizi amministrativi tecnici ausiliari ed al personale agli stessi preposto, con necessari interventi normativi su più livelli, non può che risultare positiva per il buon andamento del sistema istruzione nel suo complesso”.

WhatsApp
Telegram

Perché scegliere il Corso di Preparazione al Concorso per Dirigente scolastico di Eurosofia?