ATA: ancora piccolo spiraglio per assunzioni, sfuma assistente tecnico nel primo ciclo

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Dopo l’incontro di ieri tra Miur e sindacati si delinea quanto, rispetto alle anticipazioni del Ministro ai sindacati, è stato poi presentato e accettato nel testo definitivo della Legge di Stabilità. Ad essere penalizzato, ancora una volta il personale ATA.

Sfuma infatti la possibilità di poter incrementare l’organico introducendo la figura dell’assistente tecnico nelle scuole del primo ciclo. Si trattava della proposta di 500 posti, che avrebbero sicuramente apportato alle scuole una professionalità di cui si sente urgente bisogno nei laboratori, data la diffusione di pratiche didattiche con gli strumenti digitali.

Per quanto riguarda le assunzioni, ossia il piano straordinario al quale il Ministro aveva accennato nell’incontro dello scorso 10 ottobre ( Legge di stabilità, le proposte del Miur: stanziamenti deleghe 107, 500 posti di AT alle medie e assunzione personale uffici periferici ), alcuni sindacati lo danno per spacciato

“Sono addirittura sfumati alcuni impegni sul personale ATA che la stessa ministra aveva fatto nell’incontro del 10 ottobre scorso, annunciando nella legge di stabilità un piano straordinario di assunzioni oltre il turn over e l’istituzione della figura di assistente tecnico nella scuola del primo ciclo” così scrive infatti la FLCGIL nel report della riunione del 2 novembre.

Tuttavia, nella stessa riunione, sembra che il Ministero abbia indicato una via diversa.

“Anche la partita delle assunzioni ATA, a detta dell’Amministrazione, resta del tutto aperta potendo rientrare nell’ambito della più generale autorizzazione alle assunzioni nella P.A”. riporta infatti la CISL.

Più realista il sindacato UIL ” si prevedono le immissioni in ruolo per la copertura del turnover”

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione