ATA, 423 posti in più nelle Marche per garantire il regolare funzionamento delle scuole

WhatsApp
Telegram

Avvio dell’anno scolastico 2022/23. Nelle Marche sono stati istituiti n. 423,17 posti di personale ATA, in deroga all’organico di diritto, per garantire le necessarie condizioni di sicurezza e incolumità degli alunni e salvaguardare il regolare funzionamento delle istituzioni scolastiche.

VISTA la nota AOODGPER prot. 24439 del 24 giugno 2022 “Adeguamento organico di diritto alle situazioni di fatto personale A.T.A. – Anno Scolastico 2022/2023”, con la quale la Direzione Generale per il personale scolastico, nel fornire istruzioni per la determinazione dell’organico di fatto del personale A.T.A., rimette alle autonome determinazioni ed alla responsabilità del Direttore dell’Ufficio Scolastico regionale “di valutare prioritariamente le esigenze connesse alla presenza di alunni con disabilità, procedere all’attivazione di ulteriori posti nelle situazioni in cui non sia possibile in altro modo garantire le necessarie condizioni di sicurezza e di incolumità degli alunni, salvaguardare il regolare funzionamento delle istituzioni scolastiche con un elevato numero di plessi, garantire la copertura dei tempi scuola previsti dai piani triennali dell’offerta formativa, assicurare un adeguato livello di sicurezza nell’utilizzo dei laboratori, fornendo il numero necessario di assistenti tecnici, e tenere conto delle situazioni di disagio legate a specifiche situazioni locali”;

DATO ATTO che con nota A00DRMA prot. 17269 del 04 agosto 2022, file 202208031928, avente per oggetto “Rilevazione fabbisogno aggiuntivo personale ATA in deroga per ragioni di tutela della sicurezza degli alunni A.S. 2022/23”, è stata accertata, mediante formale assunzione di responsabilità da parte dei Dirigenti Scolastici, l’inderogabile esigenza di ulteriori posti di personale ATA per assicurare il funzionamento delle istituzioni scolastiche, attesa la sussistenza di “situazioni in cui non sia possibile, in altro modo, garantire le necessarie condizioni minime di sicurezza e di incolumità degli alunni, rendendo possibile il regolare funzionamento dei servizi scolastici”, con la conseguente inderogabile esigenza di disporre di ulteriori unità di personale a fronte di un grave ed immediato rischio per l’incolumità degli studenti, non altrimenti assolvibile;

CONSIDERATE le tipologie di bisogno e relative unità di misura riferiti all’elevato numero di plessi, alla presenza di azienda agraria, all’incidenza dei portatori di handicap, alla durata del tempo scuola, alla presenza di laboratori ed all’incidenza di personale con ridotta capacità lavorativa (a causa di invalidità) sull’organico del personale ATA del medesimo profilo all’interno dell’istituzione scolastica, alle situazioni di scuole con oneri aggiuntivi di lavoro derivanti da accordi di rete o di capofilato;

DATO ATTO dei criteri e parametri assunti per la definizione delle tipologie di bisogno e loro possibile graduata copertura;

ATTESA la necessità di procedere con urgenza, atteso l’imminente avvio delle attività scolastiche, ad una assegnazione al la luce del fabbisogno accertato con la rilevazione predetta, come altresì comunicato all’ Amministrazione centrale con nota 202208171038

sono istituiti 423, 17 posti di personale atA così distribuiti

  • 287,17 Collaboratori scolastici
  • 3 Collaboratori Scolastici addetti alle aziende agrarie
  • 112,33 Assistenti amministrativi
  • 20,67 Assistenti tecnici

La nota

WhatsApp
Telegram
Pubblicato in ATA

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur