ATA 24 mesi Graduatorie permanenti: criteri di calcolo del servizio. Guida alla compilazione online

di redazione

item-thumbnail

ATA 24 mesi: su Istanze online è possibile l’inserimento/aggiornamento delle graduatorie permanenti del personale ATA, quesito diffuso è la modalità di calcolo del servizio.

La domanda può essere compilata su Istanze online fino al 3 giugno.

Problema ricorrente è quello relativo alla determinazione dell’inizio e del termine di un periodo di servizio.

Il calcolo va effettuato in base al calendario comune, secondo quanto prescrive l’art. 2963 del Codice Civile, che costituisce fonte normativa di riferimento. Da affiggere all’albo sindacale della scuola, ai sensi dell’art. 25 della legge n. 300 del 20.5.70

Se la fonte si esprime in mesi, come nel caso dei concorsi di cui all’art. 554 del D.Lvo 297/94, si fa uso del calendario senza tener conto della durata in giorni.

Il mese decorrente da un determinato giorno termina, quindi, nel giorno (compreso) immediatamente precedente del mese successivo;

ESEMPIO PRATICO 2 mesi a decorrere dal 15 febbraio abbracciano il periodo dal 15 febbraio al 14 aprile compreso.

I periodi continuativi articolati su più mesi sono calcolati partendo dal primo giorno di servizio.

Si conteggia poi il periodo intercorrente tra tale giorno ed il giorno immediatamente precedente del/i mese/i successivo/i. Si procede infine al computo dei giorni restanti di tale ultimo mese, come da calendario.

Guida alla compilazione della domanda

Per la dichiarazione dei titoli di servizio, in relazione ad ogni specifica
sezione, gli utenti devono dichiarare oltre agli specifici dettagli richiesti, il
periodo di servizio comprensivo di data inizio del servizio, data fine del
servizio, anno scolastico di riferimento; possono dichiarare numero mesi e
numero giorni.

Se il numero dei mesi e il numero dei giorni non viene impostato, in
relazione alla data di inizio e fine servizio, il sistema calcola in automatico il
numero mesi e giorni e lo imposta nei campi appositamente predisposti per
la digitazione.

La modifica del campo dovrà essere effettuata dall’utente nel
solo caso in cui avrà prestato servizi frammentari sulla stessa istituzione e
nello stesso anno scolastico e pertanto il numero di mesi-giorni sarà minore dei mesi-giorni compresi nell’intervallo.

Si ricorda che, come anche previsto dal vecchio modello cartaceo, il numero mesi e giorni prevale sull’intervallo data fine – data inizio.

Il sistema fa comunque un confronto tra i mesi calcolati in automatico e
quelli eventualmente impostati dall’utente:

  •  se il numero inserito è inferiore a quello calcolato dal sistema verrà
    prospettato il messaggio ‘E’ STATO INSERITO UN NUMERO DI MESI E
    DI GIORNI DI SERVIZIO INFERIORE ALL’INTERO PERIODO’ .
  • Tale
    messaggio è solo di indicazione all’utente per una verifica e per
    ricordare che il numero mesi e giorni prevale sull’intervallo data fine
    – data inizio;
  •  se il numero inserito è superiore a quello calcolato dal sistema verrà
    bloccata l’operazione e segnalato quanto riscontrato.

Per i servizi che l’utente inserisce, il sistema effettua inoltre i seguenti
controlli:

  •  la data fine periodo indicata deve essere entro il termine ultimo di
    chiusura istanza
  • il periodo di servizio deve essere congruente con l’anno scolastico
    indicato
  •  il numero dei mesi e dei giorni indicati non possono superare i giorni
    determinati dal periodo impostato
Versione stampabile
Argomenti:

soloformazione