AstraZeneca, Draghi: “Se c’è l’ok dell’Ema ripartiamo con la vaccinazione”

Stampa

“Oggi il presidente del Consiglio italiano, Mario Draghi, e il Presidente della Repubblica francese, Emmanuel Macron, hanno avuto uno scambio di vedute sulla decisione presa in molti paesi europei, tra cui l’Italia e la Francia, di sospendere la somministrazione del vaccino AstraZeneca”. Questo è quanto si apprende da fonti di Palazzo Chigi.

“Si tratta di una misura temporanea e cautelativa che durerà fino a giovedì 18 marzo, in attesa della conclusione dell’analisi supplementare condotta dall’Agenzia Europea per i Medicinali. Le dichiarazioni preliminari dioggi dell’Ema sono incoraggianti. In caso di conclusione positiva dell’analisi dell’Ema, i due leader sono pronti a far ripartire speditamente la somministrazione del vaccino AstraZeneca”.

E ancora: “A seguito della sospensione temporanea delle somministrazioni di AstraZeneca, nella giornata odierna sono stati effettuati approfondimenti da parte della struttura del Commissario straordinario per l’emergenza Covid Figliuolo. La durata della sospensione è stimabile in 4 giorni complessivi, fino al pronunciamento dell’Ema e quindi dell’Aifa. In caso di ripresa delle somministrazioni di AstraZeneca a partire dal 18 marzo, il rallentamento potrà essere riassorbito nell’arco di un paio di settimane, anche grazie all’incremento della quantità del vaccino Pfizer stimato in 707.850 dosi”.

Vaccino Covid, oltre 600mila dosi somministrate agli insegnanti e Ata. I dati regione per regione. IN AGGIORNAMENTO

Stop vaccino AstraZeneca, il personale della scuola ha paura e le Regioni bloccano tutto. Gli esperti: no ad allarmismi

ISCRIVITI al canale You Tube di Orizzonte Scuola

Stampa

Dattilografia + ECDL: 1,60 punti per il personale ATA a soli 150€! Entro il 22/04…