Assunzioni straordinarie da GPS sostegno prima fascia: cosa indicare nella domanda di partecipazione

WhatsApp
Telegram

Per partecipare alla procedura straordinaria di assunzione dalla prima fascia delle GPS sostegno, gli interessati devono presentare apposita istanza: come, quando e cosa dichiararvi. Assegnazione incarichi.

Procedura straordinaria

Ai sensi dell’articolo 5-ter del DL n. 228/2021, convertito in legge n. 15/2022, le immissioni in ruolo ordinarie (di scuola dell’infanzia, primaria e secondaria) a.s. 2022/23 sono seguite da una fase straordinaria di assunzione sui posti di sostegno residuati dalle medesime (immissioni ordinarie), da assegnare agli aspiranti inclusi nelle GPS sostegno prima fascia.

La succitata disposizione, ricordiamolo, ha prorogato per l’a.s. 2022/23 la procedura prevista dall’articolo 59/4 del DL n. 73/2021 (convertito in legge n. 106/2021) per l’a.s. 2021/22, limitandola ai soli posti di sostegno.

Il MI ha già predisposto il decreto che disciplinerà l’intera procedura e per la pubblicazione del quale si attende l’invio al CSPI e il relativo parere.

La procedura, che inizia con l’attribuzione dell’incarico a tempo determinato, è finalizzata all’immissione in ruolo, previo superamento del percorso annuale di formazione e prova (da svolgersi nell’a.s. 2022/23) e della prova disciplinare.

Abbiamo descritto l’intera procedura in “Assunzioni straordinarie 2022/23, da GPS sostegno: domanda, incarico, anno di prova, colloquio e immissione in ruolo. Tutte le info”

Come si partecipa alla procedura

Per partecipare alla procedura è necessario presentare domanda in modalità telematica, tramite Istanze Online, cui accedere con credenziali SPID ovvero con quelle della Carta di identità elettronica (CIE) o, in alternativa, con un’utenza
valida per l’accesso ai servizi presenti nell’area riservata del Ministero con l’abilitazione specifica al servizio “Istanze on Line (POLIS)”.

La domanda si presenta esclusivamente per la provincia di inclusione in GPS prima fascia sostegno ed è la medesima di quella per l’attribuzione degli incarichi di supplenza al 30/06 e al 31/08: il sistema assegnerà prima gli incarichi finalizzati al ruolo e poi le supplenze.

Quando si presenta la domanda

Il MI comunicherà, con apposito avviso pubblicato sul proprio sito internet, la tempistica relativa alla presentazione delle istanze.

Cosa indicare nella domanda

Nella domanda gli aspiranti dichiarano:

  • di essere iscritti  nella prima fascia delle graduatorie provinciali per le supplenze per i posti di sostegno;
  • le tipologie di posto per le quali, avendone titolo, intendono partecipare alla procedura;
  • l’ordine di preferenza delle istituzioni scolastiche distinto per tipologia di posto; è possibile esprimere le preferenze di sede anche attraverso l’indicazione sintetica di comuni e distretti (la mancata indicazione di alcune sedi equivale alla rinuncia per le medesime sedi non espresse);
  • il consenso al trattamento dei dati personali.

Evidenziamo che le dichiarazioni rilasciate nella domanda sono effettuate ai sensi degli articoli 46 e 47 del DPR 445/2000, con le conseguenti responsabilità penali in caso di dichiarazioni mendaci.

Esclusioni e mancata valutazione della domanda

Non sono prese in considerazione, nonché non valutate le domande:

  • che non presentino le sopra indicate dichiarazioni;
  • presentate in modalità difforme da quella telematica e/o fuori termine;
  • degli aspiranti che non presentino i requisiti di ammissione.

Sono, infine, esclusi dalla procedura gli aspiranti di cui siano state accertate dichiarazioni mendaci nella compilazione dell’istanza.

Assegnazione incarichi

Una volta presentate le domande, gli incarichi finalizzati al ruolo vengono assegnati nell’ambito della procedura informatizzata di conferimento delle supplenze (al 30/06 e al 31/08), secondo le seguenti fasi e criteri:

  • gli USR pubblicano i posti disponibili;
  • gli USR assegnano gli aspiranti alle singole scuole attraverso una procedura automatizzata, sulla base della posizione in graduatoria e nell’ordine delle tipologie di posto indicate e delle preferenze espresse;
  • in caso di indicazione di preferenze sintetiche (comuni e distretti), l’ordine di preferenza delle scuole nel comune e/o nel distretto è effettuato sulla base dell’ordinamento alfanumerico crescente del codice meccanografico.

Come detto sopra, il sistema elabora prima le domande per l’attribuzione degli incarichi di sostegno finalizzati all’immissione in ruolo e poi quelle per l’assegnazione delle supplenze.

Precisiamo che:

  • l’assegnazione di una delle sedi (scuole) indicate nella domanda comporta l’accettazione della stessa;
  • chi ottiene l’incarico finalizzato al ruolo non può partecipare all’assegnazione delle supplenze per qualunque classe di concorso o tipologia di posto;
  • la mancata presentazione dell’istanza comporta la rinuncia alla partecipazione alla procedura;
  • la mancata indicazione di talune sedi è intesa quale rinuncia per le sedi non espresse;
  • la mancata assegnazione dell’incarico per le tipologie di posto e per le sedi richieste consente la partecipazione alle successive procedure di conferimento delle supplenze.

NB: quanto scritto si basa sulla bozza del DM, che disciplinerà la procedura, per cui potrebbe essere soggetto a modifiche, che segnaleremo prontamente. 

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur