Assunzioni neo dirigenti scolastici, rinunce e cambio regione? Lettera

Stampa
ex

Inviato da Nora Ruggieri – Gentile Staff di Redazione, il concorso per dirigenti, come specificato nel bando, è nazionale pertanto sapevo che c’era la possibilità di dover andare fuori regione.

Non avevo previsto, però, l’arrivo di una meravigliosa pargoletta che, di conseguenza, renderà la scelta “accettare/rinunciare” molto più difficile (dovrò verificare, tra le tante cose, la presenza di servizi per poter conciliare vita privata e lavoro) oltre all’aver ottenuto, come docente, il tanto agognato trasferimento nella scuola dei miei sogni.

Al di là delle esigenze personali una riflessione importante, secondo me, riguarda la gestione delle rinunce. Se dovessi andare fuori regione e, durante la scelta della scuola, si liberassero dei posti nella mia zona o in altre più favorevoli dovrei poter optare per la nuova collocazione ma non so se ciò sarà possibile (mi sembra una procedura piuttosto complicata).

Se, invece, ci avessero fatto scegliere le sedi (sarebbe stato lungo per noi ma, forse, più semplice per MIUR e USR) avremmo potuto prediligere scuole di regioni diverse ma geograficamente più vicine alla città di residenza o più facilmente raggiungibili (per tipologia di strada, chilometraggio e/o tempi di percorrenza).

In Abruzzo, ad esempio, le sedi disponibili sono 17 e la più vicina dista 80 km da casa mia (autostrada+strada di montagna). Nelle Marche c’è Ascoli Piceno che raggiungerei percorrendo 40 km (autostrada+strada cittadina).

Ci sarebbero molte altre riflessioni da fare (ad esempio il contesto della scuola di assegnazione rispetto alle nostre competenze) ma preferisco fermarmi qui. Mi auguro di riuscire a trovare la soluzione migliore e che anche gli altri vincitori possano avere una sistemazione adeguata.

Dopo due anni di concorso l’essere costretti a rinunciare (anche solo per sopravvenute esigenze personali) sarebbe un peccato. Buona giornata a tutti e buona estate.

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia