Assunzioni fase C: si chiede trasparenza nelle nomine. FLC CGIL diffida il Miur

WhatsApp
Telegram

Il sindacato FLC CGIL, come già annunciato nell'incontro di ieri, ha inviato formale diffida al Miur chiedendo trasparenza e chiarezza dei criteri con cui vengono effettuate le operazioni inerenti le stabilizzazioni previste dal piano straordinario di assunzioni.

Il sindacato FLC CGIL, come già annunciato nell'incontro di ieri, ha inviato formale diffida al Miur chiedendo trasparenza e chiarezza dei criteri con cui vengono effettuate le operazioni inerenti le stabilizzazioni previste dal piano straordinario di assunzioni.

Poichè continuano a pervenire segnalazioni da parte dei docenti aspiranti al ruolo sulla scarsa chiarezza e l'incomprensione per come vengano assegnati i posti nelle diverse province e il Miur ancora non ha fornito spiegazioni sufficienti a placare le proteste, la FLC CGIL ha ritenuto di notificare una formale diffida legale al MIUR perché renda pubblici i criteri adottati per lo svolgimento delle varie fasi relative al piano assunzionale di cui al DDG del 17.07.2015.

In particolare la FLC CGIL segnala che a parità di punteggio e di situazione professionale pregressa, sarebbero stati avvantaggiati alcuni docenti a scapito di altri con particolare riferimento alle province, che sono pervenute segnalazioni da parte di docenti senza titolo di sostegno assunti su tale ruolo, o di docenti assunti nelle fasi precedenti ai quali è stato comunicato che avrebbe partecipato alla fase C, o docenti che a parità di punteggio e collocazione delle destinazioni, hanno avuto risposte antitetiche sul territorio italiano.

Per questi motivi il sindacato diffida il Ministero ad adottare immediati e tempestivi atti volti a rendere pubblici i criteri adottati per lo svolgimento delle varie fasi, con particolare riferimento alla fase C ancora da svolgere.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur