Assunzioni 2023 GPS sostegno: ci sarà secondo elenco aggiuntivo, come funziona l’algoritmo per le 150 preferenze e la call veloce

WhatsApp
Telegram

Assunzioni estate 2023 finalizzate al ruolo per i docenti inseriti nelle GPS sostegno prima fascia o elenco aggiuntivo. Previste esclusivamente per l’anno scolastico 2023/24 per i posti di sostegno rimasti vacanti dopo lo scorrimento di GaE e graduatorie concorsi, è in arrivo il Decreto che disciplinerà la procedura in base al DL 44/2023 in analisi al Parlamento.

Decreto Ministeriale per la procedura

Ieri 26 maggio il Ministero ha presentato ai sindacati una BOZZA di decreto che dovrà adesso essere sottoposta al vaglio del CSPI. Ecco il report dei sindacati.

Quali posti saranno disponibili

I posti di sostegno che nella singola provincia rimarranno vacanti dopo la fase ordinaria delle immissioni in ruolo (50% GaE – 50% graduatorie concorsi) + la call veloce.

Le graduatorie dei concorsi potranno scorrere fino a  coprire i posti disponibili e autorizzati dal MEF ma il Ministero prevede che rimarranno comunque scoperti circa 19.000 posti di sostegno, da coprire mediante lo scorrimento delle GPS sostegno prima fascia ed elenco aggiuntivo. Procedura speciale anche per gli aspiranti inseriti con riserva per titolo conseguito entro la data di presentazione della domanda (31 maggio 2022 per la prima fascia e 27 aprile 2023 per l’elenco aggiuntivo) ma in attesa del riconoscimento del titolo in Italia.

Assunzioni docenti, 56mila totali per il 2023/24: quanti al sostegno, quanti posti comuni. Modalità e dettaglio dei numeri che Valditara chiederà al Ministero dell’Economia

Chi potrà partecipare alla procedura per il ruolo

Gli aspiranti inseriti a pieno titolo in prima fascia o elenco aggiuntivo GPS sostegno, fino ad esaurimento dei posti autorizzati dal MEF per il 2023/24. Si potrà partecipare solo per la provincia già scelta per l’inclusione.

Bisognerà presentare apposita domanda nella finestra temporale che sarà indicata dal Ministero, su Istanze online. Non saranno prese in considerazione domande presentate con modalità diverse.

Il docente potrà scegliere le tipologie di posto di sostegno per le quali vuole partecipare alla procedura (ad es. un docente ha specializzazione sia per primaria che secondaria, decide di partecipare solo per secondaria)  e indicare l’ordine di preferenza delle scuole, comuni e distretti.

Si raccomanda grande attenzione nell’indicazione delle preferenze (max 150), se non si indicano tutte. Naturalmente su questo argomento seguiranno indicazioni più specifiche.

Il sindacato FLC CGIL avverte “Attenzione! Coloro che non ottengono una nomina nella loro provincia in quanto hanno omesso delle preferenze per posti che erano disponibili non saranno ammessi alla call veloce.”

Mini call veloce

Espleta la procedura di scorrimento di prima fascia ed elenco aggiuntivo in ogni provincia, qualora residuino ancora posti vacanti – saranno pubblicati sui siti degli Uffici Scolastici – sarà avviata una mini call veloce per assegnarli. Ci saranno 48 ore di tempo per aderire alla procedura.

Potranno partecipare coloro che avevano già presentato domanda per la propria provincia e che non sono stati destinatari di proposta (se hanno rinunciato alla proposta nella propria provincia non potranno partecipare per provincia diversa).

E’ possibile indicare la provincia o le province di una regione a scelta, anche diversa rispetto a quella in cui si è inseriti in GPS.

Gli Uffici Scolastici pubblicheranno l’elenco degli aspiranti che hanno presentato domanda, graduato secondo fasce e punteggi delle GPS.

Contratto a tempo determinato

Le assunzioni saranno a tempo determinato finalizzate al ruolo dopo il superamento dell’anno di prova, delle attività di formazione, e della simulazione della lezione su una traccia assegnata 24 ore prima.

Il ruolo, una volta acquisito, avrà decorrenza giuridica dal 1° settembre 2023 o comunque dalla data della presa di servizio con contratto a tempo determinato.

L’accettazione della proposta comporta l’esclusione dalle procedure di supplenza.

Come funziona l’algoritmo

Chi non presenta la domanda nei termini e modalità indicate dal Ministero non potrà partecipare né alla procedura nella propria provincia né all’eventuale call veloce.

La mancata indicazione di talune sedi è intesa quale rinuncia per le sedi non espresse.

L’accettazione all’incarico preclude la partecipazione al conferimento delle supplenze.

La rinuncia all’incarico preclude il rifacimento delle operazioni anche per altra tipologia di posto di sostegno.

Se il docente ha presentato domanda ma non si arriva alla sua posizione, potrà partecipare alle successive procedure di conferimento delle supplenze al 31 agosto o 30 giugno 2024.

Per consentire l’avvio ordinato dell’anno scolastico le nomine saranno conferite nell’ambito della procedura dell’assegnazione delle supplenze (come già accaduto negli anni precedenti)

Docenti inseriti con riserva per riconoscimento titolo estero

In questo caso gli Uffici scolastici devono creare un SECONDO ELENCO AGGIUNTIVO alla prima fascia GPS, che comprende tutti gli aspiranti inseriti con riserva perchè in attesa del riconoscimento del titolo di abilitazione o specializzazione sostegno conseguito all’estero.

Gli aspiranti sono inseriti in questo secondo elenco aggiuntivo in base all’ordine di priorità spettante in graduatoria.

Gli aspiranti inseriti nel secondo elenco aggiuntivo potranno essere destinatari di supplenza con clausola risolutiva espressa.

Se il titolo verrà riconosciuto nel corso del contratto, esso prosegue fino alla scadenza. Se la risposta relativa al riconoscimento sarà negativa, il contratto sarà immediatamente risolto.

Per le nomine finalizzate al ruolo su posti di sostegno gli Uffici Scolastici  individuano i docenti che ne avrebbero diritto e per i quali il diritto – una volta ottenuto favorevolmente il riconoscimento del titolo – potrà essere fatto valere l’anno successivo allo scioglimento della riserva.

Durante l’informativa il sindacato Anief ha chiesto al ministero di assegnare con riserva o di accantonare i posti per i ruoli individuando fin da subito i docenti inseriti in I fascia o negli elenchi aggiuntivi che hanno conseguito un titolo estero in attesa di riconoscimento. VIDEO

L’anno di formazione e prova + lezione simulata

I docenti assunti con questa procedura devono sostenere l’anno di prova e formazione classico, con i 180 giorni di servizio di cui almeno 120 di attività didattica, e le attività di formazione previste dall’articolo 13 del decreto legislativo n. 59/2017.

Seguirà lo svolgimento di una lezione simulata sui programmi punto A.4 dell’allegato A al decreto del Ministro 5 novembre 2021, n. 325, per la scuola dell’infanzia e primaria e al punto A.2.1 dell’Allegato A al decreto del Ministro 9 novembre 2021, n. 326, per la scuola secondaria di primo e secondo grado.

Saranno valutati anche il possesso e corretto esercizio, anche in relazione all’esperienza maturata dal docente e validata dal positivo superamento dell’anno di formazione inziale e prova, delle conoscenze e competenze finalizzate a una didattica inclusiva che, nel rispetto dei ritmi e degli stili di apprendimento e delle esigenze di ciascun alunno, individua, in stretta collaborazione con gli altri membri del consiglio di classe, interventi equilibrati fra apprendimento e socializzazione e la piena valorizzazione delle capacità e delle potenzialità possedute dagli alunni.

Lo svolgimento della lezione simulata, su una traccia estratta 24 ore prima, dovrà concludersi entro il 31 luglio 2024.

In caso di positiva valutazione del percorso annuale di formazione e della prova di lezione simulata – conclude la UIL –  il docente, precedentemente titolare di contratto a tempo determinato, è assunto a tempo indeterminato e confermato in ruolo, a decorrere dal 1° settembre 2024, con retrodatazione giuridica al 2023, nella medesima istituzione scolastica presso cui ha prestato servizio.

N.B. Le indicazioni sono fornite in base ai report dei sindacati, basati sulla BOZZA. Bisogna attendere la pubblicazione del decreto per le info specifiche e definitive.

La consulenza

E’ possibile inviare un quesito a [email protected] (non è assicurata risposta individuale ma la trattazione di tematiche generali)

WhatsApp
Telegram

TFA sostegno IX ciclo. Segui un metodo vincente. Non perderti la diretta di oggi su: “Intelligenza emotiva, creatività e pensiero divergente”