Assunzioni 113mila docenti, più della metà non si faranno. Anief: si “peschi” pure dalla seconda fascia Gps, noi confermiamo il ricorso al Tar

Stampa

Anief – A tre soli giorni dalla scadenza per candidarsi, tramite Gps, alle assunzioni a tempo indeterminato e alle supplenze almeno fino al 30 giugno 2022, Anief conferma la volontà di prevedere le immissioni in ruolo straordinarie anche dalla seconda fascia delle stesse Graduatorie provinciali per le supplenze: a confutare la tesi del giovane sindacato è anche la recente espressione formulata dal Comitato europeo per i diritti sociali”, che accogliendo il reclamo collettivo Anief 146/2017 ha bocciato la deludente politica scolastica italiana che incentiva, anziché combattere, l’abuso di precariato.

“Continuiamo ad essere convinti che vi sono tutte le condizioni, in una situazione di pandemia, e con un’altissima quantità di cattedre libere, per assumere in ruolo come nel 2012, quando si approvò un emendamento che riapriva le GaE proprio su proposta dell’Anief. Come si fa a precludere questa possibilità, dal momento che (come accaduto nel 2020) ben oltre la metà dei quasi 113mila posti assegnati al tempo indeterminato sono destinati ad andare persi e quindi ad incrementare il già altissimo numero di supplenze annuali? Negare l’assunzione anche dalla seconda fascia, prevedendo Psa e Tfa nell’anno di straordinariato, anche con verifica finale, significa non volere il bene della scuola italiana e condannare al precariato decine e decine di migliaia di supplenti che in un altro Paese dell’Unione europea sarebbe invece immessi in ruolo dopo 24-36 mesi massimo di supplenze. Ecco perché invitiamo gli interessati a presentare ricorso entro la stessa data di scadenza del 21 agosto prossimo”.

Anief reputa doveroso il ricorso al Tar del Lazio per i docenti inseriti nella seconda fascia Gps: l’obiettivo è quello di ottenere l’ammissione alla procedura per l’assegnazione della nomina ex art 59, comma 4, dl 73/2021 anche per i docenti inseriti nella seconda fascia delle Gps di posto comune e di sostegno vacanti e disponibili residui dopo le immissioni in ruolo per l’a.s. 2021/2022.

Il giovane sindacato ricorda che nei giorni scorsi c’è stata, su questo punto, una prima apertura da parte del Governo: è stato accolto, infatti, un ordine del giorno della Lega che chiedeva di aprire all’immissione in ruolo direttamente dalla prima fascia delle Graduatorie provinciali per le supplenze. Secondo il leader dell’Anief, Marcello Pacifico, “si sta attuando una palese forma di incostituzionalità, che condanna a tempo indeterminato alla precarietà, anziché abilitare e specializzare decine di migliaia di candidati su posti liberi in vista della loro stabilizzazione”.

Possono aderire al ricorso Anief, i docenti che sono inseriti nella seconda fascia delle GPS per posti curricolari e di sostegno: per l’effettiva proposizione dell’impugnazione dell’esclusione reputata illegittima è indispensabile inviare al Ministero dell’Istruzione e all’ATP di gestione delle GPS a mezzo PEC/Raccomandata entro i termini del 21 agosto il modello cartaceo per rivendicare il diritto a partecipare alle procedure di nomina in ruolo da GPS. Per scaricare il modello cartaceo, cliccare qui

Stampa