Concorso senza selezione anche per insegnanti religione cattolica: chiesto incontro

di redazione
ipsef

item-thumbnail

SNADIR – La Federazione Gilda-Unams/Snadir – insieme a Flc Cgil, Cisl Scuola e Uil Scuola – ha chiesto un incontro urgente al Capo di Gabinetto, Dott. Giuseppe Chiné, del ministro dell’istruzione Marco Bussetti al fine di evidenziare nuovamente la necessità di dare una risposta ai docenti precari di religione per quanto riguarda la procedura di assunzione nel settore infanzia/primaria e secondaria di I e II grado.

Le predette Organizzazioni sindacali chiederanno per i precari di religione la predisposizione di una procedura di assunzione definita secondo le medesime modalità con le quali si sta affrontando il problema dei docenti precari di scuola secondaria e per i diplomati magistrali oppure secondo le procedure già in fase di realizzazione per le provincie autonome di Bolzano e Trento.

La richiesta presentata dalle OO.SS. il 18 u.s. necessita di un intervento normativo di modifica della legge 186 da inserire nella prossima legge di bilancio. Pertanto, occorre verificare con il Dott. Chiné se la soluzione del precariato dei docenti di religione sia tra le priorità del nuovo Governo.

La Fgu/Snadir rinnova ancora una volta il suo impegno a favore di tutti gli insegnanti di religione promuovendo, battaglia dopo battaglia, la ricerca di nuovi sistemi e metodi per dare risposte concrete alle numerose istanze emerse in questi anni e provenienti dall’intera categoria di docenti.

Richiesta unitaria OO.SS. al Capo di Gabinetto Dott. Giuseppe Chiné

Versione stampabile
anief
soloformazione