Assunzione da GPS sostegno prima fascia, domanda online dal 2 agosto. Chi partecipa, per quali posti [DECRETO]

WhatsApp
Telegram

Assunzioni da GPS sostegno prima fascia: sarà possibile presentare l’apposita domanda dal 2 al 16 agosto ore 14. Si tratta della stessa domanda che gli aspiranti useranno per richiedere le supplenze al 31 agosto o 30 giugno 2023: in caso di mancata nomina per supplenza su sostegno finalizzata al ruolo infatti si potrà partecipare a pieno titolo alle supplenze.

Presentazione domanda

Si tratta della fase straordinaria delle immissioni in ruolo 2022/23  ai sensi dell’articolo 5-ter del DL n. 228/2021, convertito in legge n. 15/2022.

Dal 2 agosto ore 9 al 16 agosto ore 14.

SCARCICA IL DECRETO n. 188 del 21 luglio 2002

Chi può partecipare

Gli aspiranti sia di infanzia primaria che secondaria

  • precari, correttamente inseriti nella GPS sostegno prima fascia della provincia scelta entro lo scorso 31 maggio
  • i docenti che hanno già ricevuto una nomina in ruolo per l’anno scolastico 2022/23. Naturalmente l’accettazione da sostegno prima fascia GPS comporterà il cambio da una assunzione a tempo indeterminato ad una supplenza finalizzata al ruolo, che potrà trasformarsi in incarico a tempo indeterminato dal 2023/24 dopo il superamento delle prove previste nel corso dell’anno di prova e formazione. Per alcuni la scelta sarà determinata dal lavorare nella provincia desiderata sin da subito, senza doversi sottoporre alla “giostra ” della mobilità, che potrebbe costringere a svariati anni di fuori provincia.
  • il personale docente e ATA già di ruolo, che si avvale dell’art. 36 e 59 del CCNL

Entro il 1 agosto gli Uffici Scolastici dovrebbero pubblicare le GPS, in modo da consentire di controllare la propria posizione.

Sarà possibile presentare domanda esclusivamente per la provincia delle GPS.

La procedura non prevede nomine su posto comune, per nessun grado di scuola.

Cosa indicare nella domanda

Nella domanda gli aspiranti dichiarano:

  • di essere iscritti  nella prima fascia delle graduatorie provinciali per le supplenze per i posti di sostegno;
  • le tipologie di posto per le quali, avendone titolo, intendono partecipare alla procedura;
  • l’ordine di preferenza delle istituzioni scolastiche distinto per tipologia di posto; è possibile esprimere le preferenze di sede anche attraverso l’indicazione sintetica di comuni e distretti (la mancata indicazione di alcune sedi equivale alla rinuncia per le medesime sedi non espresse);
  • il consenso al trattamento dei dati personali.

Le dichiarazioni sono effettuate ai sensi degli articoli 46 e 47 del DPR 445/2000, con le conseguenti responsabilità penali in caso di dichiarazioni mendaci.

Esclusioni e mancata valutazione della domanda

Non sono prese in considerazione, nonché non valutate le domande:

  • che non presentino le sopra indicate dichiarazioni;
  • presentate in modalità difforme da quella telematica e/o fuori termine;
  • degli aspiranti che non presentino i requisiti di ammissione.

Sono, infine, esclusi dalla procedura gli aspiranti di cui siano state accertate dichiarazioni mendaci nella compilazione dell’istanza.

Assegnazione incarichi

Una volta presentate le domande, gli incarichi finalizzati al ruolo vengono assegnati nell’ambito della procedura informatizzata di conferimento delle supplenze (al 30/06 e al 31/08), secondo le seguenti fasi e criteri:

  • gli USR pubblicano i posti disponibili.  I posti sono quelli residui dopo la conclusione della fase ordinaria e della call veloce, previo accantonamento dei posti riservati ai concorsi ordinari n. 498 e 499/2020, se non ancora conclusi.
  • gli USR assegnano gli aspiranti alle singole scuole attraverso una procedura automatizzata, sulla base della posizione in graduatoria e nell’ordine delle tipologie di posto indicate e delle preferenze espresse;
  • in caso di indicazione di preferenze sintetiche (comuni e distretti), l’ordine di preferenza delle scuole nel comune e/o nel distretto è effettuato sulla base dell’ordinamento alfanumerico crescente del codice meccanografico.

Come detto sopra, il sistema elabora prima le domande per l’attribuzione degli incarichi di sostegno finalizzati all’immissione in ruolo e poi quelle per l’assegnazione delle supplenze.

Precisiamo che:

  • l’assegnazione di una delle sedi (scuole) indicate nella domanda comporta l’accettazione della stessa;
  • chi ottiene l’incarico finalizzato al ruolo non può partecipare all’assegnazione delle supplenze per qualunque classe di concorso o tipologia di posto;
  • la mancata presentazione dell’istanza comporta la rinuncia alla partecipazione alla procedura;
  • la mancata indicazione di talune sedi è intesa quale rinuncia per le sedi non espresse;
  • la mancata assegnazione dell’incarico per le tipologie di posto e per le sedi richieste consente la partecipazione alle successive procedure di conferimento delle supplenze.

A fine agosto l’esito della domanda

A fine agosto l’aspirante saprà se avrà ricevuto la nomina di “supplenza finalizzata al ruolo” per l’anno scolastico 2022/23 o se il suo nominativo parteciperà, se lo ha richiesto, all’assegnazione di una supplenza al 31 agosto o 30 giugno 2023.

Periodo di formazione e prova disciplinare

Durante l’incarico a tempo determinato, nel corso dell’a.s. 2022/23, gli aspiranti svolgono il percorso annuale di formazione iniziale e prova di cui all’articolo 13 del D.lgs. n. 59/2017.

Superato il periodo di prova gli aspiranti sono ammessi alla prova disciplinare, che consiste in colloquio di idoneità e verte sui programmi di cui al punto A.4 dell’allegato A al DM n. 325/2021 per la scuola scuola dell’infanzia e primaria e di cui al punto A.2.1 dell’Allegato A al DM n. 326/2021 per la scuola secondaria. La prova è superata dagli aspiranti che ottengono un giudizio di idoneità (viceversa non è superata da chi ottiene un giudizio di non idoneità).

La negativa valutazione del percorso di formazione e prova comporta la reiterazione dello stesso, mentre il giudizio di non idoneità nella prova disciplinare comporta la decadenza dalla procedura. In quest’ultimo caso, è preclusa la trasformazione a tempo indeterminato del contratto ed il servizio prestato viene valutato quale incarico a tempo determinato.

Assunzione in ruolo

Gli aspiranti, che superano il periodo di formazione e prova e la prova disciplinare, sono:

  • assunti a tempo indeterminato, a decorrere dal 1° settembre 2022, o, se successiva, dalla data di inizio del servizio;
  • confermati in ruolo nella medesima istituzione scolastica presso cui hanno prestato servizio a tempo determinato.

Commissioni prova disciplinare

Le commissioni, innanzi alle quali gli aspiranti sosterranno la prova disciplinare, sono presiedute da un professore universitario o da un dirigente tecnico o da un dirigente scolastico e sono composte da due docenti.

La consulenza

È possibile richiedere consulenza all’indirizzo [email protected] (non è assicurata risposta individuale ma la trattazione di tematiche generali)

È possibile confrontarsi sul forum di reciproco aiuto

È possibile seguire gli aggiornamenti tramite il tag Graduatorie di istituto e Supplenze

Graduatorie GPS 2022/23: pubblicazione, reclami e ricorsi, la domanda per le supplenze [LO SPECIALE]

WhatsApp
Telegram

Concorso per dirigenti scolastici. Corso preparazione: 285 ore di lezione, simulatore Edises con 14mila quiz e modulo informatica. Nuova offerta a 299 euro