Assunzione 9838 ATA, Anief: ancora trattati come lavoratori di serie B. I posti disponibili sono quasi il doppio

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Comunicato Anief – Nessun incremento: sebbene nella scuola vi siano quasi 17 mila posti liberi tra assistenti amministrativi, tecnici e collaboratori scolastici (solo loro oltre 9mila), più molti altri inseriti in organico di fatto, per un totale di 40mila posti, il Miur questa estate assumerà appena 9.838 nuove unità di personale Ata. La conferma è giunta attraverso un apposito Decreto Ministeriale – il 576 del 1° agosto 2018 – con il quale si ufficializza, dopo il via libera del Ministero dell’Economia, la quantità e la ripartizione delle assunzioni del personale ATA per l’a.s. 2018/19.

Il contingente, pubblicato su Orizzonte Scuola, è comprensivo dei 789 posti di co.coco. per Assistente Amministrativo e Tecnico e 305 LSU nella provincia di Palermo. Le assunzioni sono effettuate sulla base delle graduatorie permanenti ATA 24 mesi 2018/19 aggiornate a seguito dell’espletamento dei concorsi per soli titoli di cui all’O.M. 23 febbraio 2009, n. 21. Le immissioni in ruolo verranno effettuate sui posti vacanti e disponibili per l’intero anno scolastico, dopo le operazioni di utilizzazione e di assegnazione provvisoria in ambito provinciale. Il Miur ha indicato il 31 agosto come data ultima per espletare le procedure relative alle assunzioni. La presa di servizio avviene il 1° settembre 2018. Ai neosassunti sarà assegnata la sede definitiva tramite la partecipazione alle operazioni di mobilità relative all’a. s. 2019/20.

Il sindacato non comprende il motivo per cui gli Ata continuano ad essere trattati come dei lavoratori di serie B, considerando che per gli insegnanti il contingente di assunzioni a tempo indeterminato corrisponde a tutti i posti liberi in organico di diritto: fa scalpore, pertanto, il numero di posti che per amministrativi, tecnici e ausiliari rimarranno vacanti anche dopo questa tornata di assunzioni.

Si prevede l’immissione in ruolo per 724 nuovi Direttori dei servizi generali e amministrativi, sebbene i posti liberi siano ben 2.165. Per gli amministrativi le assunzioni saranno 2.881 (su 4.007 posti), poi gli assistenti tecnici solo 625 assunzioni (1.223 posti), per i collaboratori scolastici 4.497 su 9.278. Chiudono il cerchio delle assunzioni appena 2 addetti alle aziende agrarie (su 64 posti), 8 guardarobieri (su 47 posti), 7 cuochi (su 85). Non verrà infine assunto in ruolo alcun infermiere, sebbene i 22 posti liberi a livello nazionale.

Anief reputa inaccettabile questo modo di procedere: per quale motivo si immette in ruolo solo su un quarto dei posti effettivamente vacanti, considerando la finzione dell’organico di fatto? Perché si continua a colpire una categoria professionale già penalizzata nel recente passato, tanto da ritrovarsi esclusa dal piano di assunzioni, dal potenziamento e dal bonus dell’aggiornamento annuale della legge di riforma Renzi-Giannini? Tra l’altro, la mancata stabilizzazione diventa ancora più illogica dal momento in cui, applicando il diritto europeo, la Corte di Cassazione ha aperto gli scatti di anzianità anche ai supplenti: con alcune recenti ordinanze, del 26 giugno scorso, si è anche stabilito di assegnare le mensilità di luglio e agosto al personale Ata ricorrente che opera su posto vacante e disponibile.

“Ad incrementare l’ingiustizia – ricorda Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal – è stato anche l’estensore del testo dell’ultimo contratto collettivo nazionale, ratificato il 20 aprile scorso all’Aran dalla triade di sindacati confederali, che non prevede nuovi profili professionali per gli Ata, sebbene negli ultimi 30 anni il carico di lavoro degli amministrativi, dei tecnici e dei collaboratori scolastici sia fortemente aumentato, alla pari delle responsabilità anche penali”.

“Per non parlare dei compensi. Viene da chiedersi, per fare un esempio, per quale motivo un collaboratore scolastico debba percepire lo stipendio più basso dalla pubblica amministrazione, pur rischiano di incorrere in sanzioni penali, quindi nel carcere, perché addetto alla sorveglianza di minori mentre si recano presso i servizi igienici. E che dire degli amministrativi a cui si chiede di tutto, dalle ricostruzioni di carriera alla verifica delle vaccinazioni, da sempre affidate ad uffici diversi o altri ministeri? La verità è che i governanti di turno vogliono continuare a fare cassa sulla pelle dei precari, se poi sono Ata credono di giocare facile. Ma non hanno fatto i conti con l’Anief, che anche stavolta – conclude Pacifico – si batterà in tutte le sedi per combattere questo andare sempre più ingiusto e insopportabile”.

2 agosto 2018

Ufficio Stampa Anief

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione