Un assunto su tre, a partire dal 2001, avrà il 30% in meno di liquidazione

Di
Stampa

E pensioni da fame dopo cinquant'anni di lavoro con l'aggravante della trattenuta del 2,5% sul cedolino, che la Corte costituzionale ha dichiarato illegittima.

E pensioni da fame dopo cinquant'anni di lavoro con l'aggravante della trattenuta del 2,5% sul cedolino, che la Corte costituzionale ha dichiarato illegittima.

A fare i calcoli l'ANIEF, ripercorrendo il tragitto che con il CCNQ del 29 luglio 1999 – recepito nel DPCM del 20 dicembre 1999 – si è omologato il sistema pensionistico pubblico a quello privato, programmando la decurtazione del 30% della liquidazione nel passaggio dal TFS al TFR per i lavoratori assunti dal 2001.

Secondo il giovane sindacato, la colpa è dei sindacati rappresentativi che, poi, hanno creato il fondo integrativo pensionistico nella scuola chiamato ESPERO, dove si costringe addirittura il lavoratore a cedere tutta la liquidazione (TFR) in cambio di una pensione aggiuntiva che possa sostenere la perdita concordata di acquisto dello stesso salario differito.

Se si continua così, leggiamo nel comunicato, "si arriverà alla cancellazione totale degli scatti di anzianità e dell'indennità di vacanza contrattuale.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur