Assolti ancora una volta i manager di Google in relazione al video choc su un atto di bullismo postato su Youtube

di Giulia Boffa
ipsef

GB  – La Terza sezione penale della Cassazione ha deciso di confermare l’assoluzione di tre top manager di Google responsabili per l’Italia, riguardo ad un video di bullismo contro un disabile postato su Youtube nel 2006, che destò tante proteste. ne dà notizia "Il Messaggero".

GB  – La Terza sezione penale della Cassazione ha deciso di confermare l’assoluzione di tre top manager di Google responsabili per l’Italia, riguardo ad un video di bullismo contro un disabile postato su Youtube nel 2006, che destò tante proteste. ne dà notizia "Il Messaggero".

La Suprema Corte, infatti, ha respinto il ricorso contro il proscioglimento presentato dalla Procura di Milano che non ha condiviso l’assoluzione con la formula "perchè il fatto non sussiste" pronunciata dalla Corte d’Appello di Milano il 21 dicembre del 2012. L’accusa, per tutti e tre gli imputati, era quella di violazione delle norme sulla privacy del 2003. In primo grado, il Tribunale li aveva condannati a sei mesi di reclusione con la condizionale, il 24 febbraio del 2010.

Gli ex imputati sono: David Drummond, ex presidente del cda di Google Italia, George De Los Reyes, ex membro del cda di Google Italia e Peter Fleischer, responsabile delle strategie della privacy per l’Europa di Google.

Il video incriminato era stato girato alla fine di maggio del 2006 ed era stato caricato in rete l’8 settembre dello stesso anno totalizzando moltissimi contatti. Le immagini mostravano un ragazzino affetto da autismo seduto su una sedia, picchiato da un compagno di classe mentre un’altra decina di ragazzi lo deridevano e gli tiravano oggetti fino a fargli cadere gli occhiali da vista costringendolo a cercarli affannosamente.

Versione stampabile
anief anief
soloformazione