Associazione Italiana Dislessia: 14 ottobre ottobre celebriamo a Bologna i nostri 20 anni

di redazione
ipsef

item-thumbnail

comunicato Associazione Italiana Dislessia (ADI) – “20 anni di AID: Diritti, Formazione, Ricerca e Informazione” questo il titolo del prossimo evento voluto da AID- Associazione Italiana Dislessia per celebrare i suoi primi 20 anni al fianco delle persone con DSA ( Disturbi Specifici dell’Apprendimento).

L’appuntamento – gratuito e aperto al pubblico – è per sabato 14 ottobre 2017, presso l’Aula Magna Santa Lucia dell’Università di Bologna, in via Castiglione 36.

La giornata vedrà alternarsi sul palco molteplici personalità – italiane ed internazionali – del mondo accademico, istituzionale, sportivo e dello spettacolo, per parlare di DSA.

In mattinata, si farà il punto sullo stato dell’arte della ricerca scientifica nell’ambito dei disturbi specifici dell’apprendimento, grazie alla partecipazione di Sergio Messina, Presidente AID e Franco Botticelli, Past President AID; Giacomo Stella, professore ordinario di Psicologia Clinica presso l’Università di Modena e Reggio Emilia; Prof. Rabih Chattat, Delegato del rettore per la Disabilità e i DSA, Alma Mater Studiorum – Università di Bologna; Prof. Dr. Gerd Schulte-Körne, University of Munich; Dott.ssa Paola Bonifacci, Alma Mater Studiorum – Università di Bologna, Dipartimento di Psicologia; Prof. Guerra Luigi, Alma Mater Studiorum – Università di Bologna, Dipartimento di Scienze dell’Educazione; Paolo Teoducci, Direttore Generale Fondazione TIM. La giornata si aprirà con il saluto istituzionale di Marilena Pillati, Vicesindaco del Comune di Bologna.

Nel pomeriggio, un talk show presentato da Guido Barlozzetti, giornalista, autore e conduttore televisivo che vedrà coinvolti La Pina, deejay e conduttrice radio-tv; Giovanni Soldini, velista e Raine Hodgson, stilista del Gruppo Miroglio.

Nel corso della giornata, inoltre, presso l’aula absidale di Santa Lucia, sarà allestita la mostra “Contengo moltitudini”, che raccoglie le opere di Samuele Gamba, giovane artista mantovano che racconta l’esperienza della dislessia attraverso opere potenti ed espressive e saranno esposti i disegni realizzati da bambini e ragazzi nell’ambito del Progetto “Dillo con un disegno”.

Sergio Messina, neuropsichiatra infantile e Presidente dell’Associazione italiana dislessia ha dichiarato: “Nel corso di questi 20 anni, l’Associazione Italiana Dislessia ha conseguito importanti risultati per le persone DSA, tra tutte la promozione della prima Consensus Conference sui Disturbi Specifici dell’Apprendimento, finalizzata a definire standard clinici condivisi per la diagnosi e la riabilitazione e l’approvazione della legge 170/2010, la prima a tutelare il diritto allo studio dei bambini e dei ragazzi con DSA. Tappe fondamentali che hanno segnato una svolta nella vita quotidiana di tutte le persone DSA”.

Il Prof. Rabih Chattat, Delegato del rettore per la Disabilità e i DSA, Alma Mater Studiorum – Università di Bologna, ha dichiarato: “Unibo, ha inserito nell’ambito del progetto strategico un’azione specifica, UNIBO4ALL, mirata a creare le condizioni per promuovere l’inclusione, l’autonomia e la partecipazione degli studi con DSA. L’azione di UNIBO prevede la disponibilità di un laboratorio dedicato alle tecnologie per lo studio, l’adeguamento e la digitalizzazione del materiale didattico, l’adeguamento delle prove realizzati in base alle specifiche esigenze di ogni studente e coinvolgendo i docenti e il personale tecnico-amministrativo”.

Paolo Teoducci, Direttore Generale Fondazione TIM: “Il valore portato da una Fondazione d’impresa come Fondazione TIM deve superare il concetto della mera erogazione liberale. Vogliamo favorire la visione sistemica dei bisogni, la scalabilità degli strumenti, la massimizzazione dei risultati. Screening precoce accessibile a tutti e una scuola più inclusiva, tra i bisogni prioritari per i DSA individuati in un confronto tra esperti nel 2015, sono ora una realtà grazie alla tecnologia, sulla piattaforma Dislessia 2.0 Soluzione Digitale. Fondazione TIM è orgogliosa di contribuire con queste iniziative alla crescita economica e sociale del nostro Paese”.

Dal 1997, l’Associazione è un punto di riferimento in Italia per la sensibilizzazione, informazione, formazione e ricerca sui DSA (Disturbi Specifici dell’Apprendimento), fondata sull’impegno volontario di migliaia di persone: genitori, insegnanti, giovani con DSA, tecnici e professionisti del settore medico-sanitario. Oggi conta oltre 18.000 soci e 98 sezioni attive su tutto il territorio nazionale, coordinate da una sede nazionale con base storica a Bologna.

AID: Associazione Italiana Dislessia

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief voglioinsegnare