Assistenza disabili, M5S: stanziamento 70 milioni anche Regioni a statuto speciale

di redazione
ipsef

M5S – “Chiediamo al Governo come intenda garantire adeguate risorse per le funzioni di assistenza per l’autonomia e la comunicazione personale e di supporto organizzativo degli alunni con disabilità anche alle Regioni a Statuto speciale.

M5S – “Chiediamo al Governo come intenda garantire adeguate risorse per le funzioni di assistenza per l’autonomia e la comunicazione personale e di supporto organizzativo degli alunni con disabilità anche alle Regioni a Statuto speciale.

Così i parlamentari M5s in commissione Cultura di Camera e Senato sull’interrogazione a prima firma della deputata Maria Marzana e indirizzata al presidente del Consiglio, al ministro dell’Economia e delle Finanze, al ministro per gli affari Regionali e le Autonomie Locali.

“la Legge di stabilità 2016 ha previsto che, ai fini del completamento del processo di riordino delle funzioni delle province, le funzioni relative all'assistenza per l'autonomia e la comunicazione personale degli alunni con disabilità fisiche o sensoriali e relative al servizio di trasporto venissero attribuite alle Regioni. Sempre la suddetta Legge di stabilità ha previsto allo scopo un contributo di 70 milioni di euro per l'anno 2016 rispetto al quale, il 13 luglio 2016, i rappresentanti del Dipartimento per gli Affari Regionali e le Autonomie – in sede di Conferenza Unificata Stato-Regioni – hanno illustrato il relativo schema di decreto.

Ora, tale schema prevede l’esclusione dal riparto delle Regioni a Statuto speciale. La Regione Sardegna ha rappresentato di non condividere detta esclusione e condividiamo questo punto di vista, dal momento che  si tratta infatti di una procedura a tutti gli effetti discriminatoria. Il contributo da 70 milioni previsto in Stabilità, infatti, non prevedeva distinzioni tra Regioni a Statuto speciale e ordinario, mentre nel Decreto di riparto delle risorse tale discriminazione è presente. Riteniamo dunque che i tre ministeri interpellati debbano fornire risposte chiare e agire per ripristinare una situazione di equità”.

ROMA, 27 luglio 2016

Area Comunicazione M5S Camera

Versione stampabile
anief anief
voglioinsegnare