Assistenza alunni disabili, Slai Cobas: genitori scrivono a Mattarella

WhatsApp
Telegram

comunicato  Slai Cobas s.c Palermo –  Alla luce della gravissima situazione in cui versano gli studenti disabili fuori dalle scuole da mesi, le famiglie e gli assistenti igienico-personale che ad oggi non hanno avuto alcun riscontro dalle Istituzioni al fine della soluzione di un problema che è diventato indecente e che vede addirittura le madri degli studenti e gli assistenti aggrediti nei palazzi in cui invece dovrebbero essere accolti senza se e senza ma!

(la madre che ieri è caduta all’ars a causa degli spintonamenti dei vigilanti che volevano impedire di fare entrare i genitori e gli assistenti in attesa di risposte, refertata al pronto soccorso ha avuto una prognosi di 5 gg per trauma cranico)

i genitori degli studenti gravemente lesi e gli assistenti igienico personale scrivono al Presidente della Repubblica, così come avevano già fatto questa estate durante la battaglia contro l’art.10, e tra le atre cose gli chiedono. ”

Chiediamo alla S.V., che è intervenuta più volte sulla questione della disabilità, come può essere definito civile un paese in cui diritti fondamentali vengono costantemente negati dalle sue stesse Istituzioni che dovrebbero invece garantirli?

WhatsApp
Telegram

Concorso ordinario secondaria, EUROSOFIA: Il 3 febbraio non perderti il webinar gratuito a cura della Prof.ssa Maria Grazia Corrao