Assenze per malattia gravi patologie, niente decurtazione per i giorni successivi a terapie salvavita

Stampa

Non è una novità che che l’attuale disciplina contrattuale esclude dal computo dei giorni di malattia quelli relative a terapie salvavita come emodialisi, chemioterapia etc.

Nell’applicazione di tale disciplina non vengono, però, conteggiati i giorni strettamente coincidenti con la terapia, successivi ad essa.

Nell’atto di indirizzo per il rinnovo del contratto, l’Aran negozierà una definizione della suddetta disciplina includendo anche i giorni collegati all’effettuazione di terapie salvavita a condizione che determino effetti comportanti incapacità lavorativa.

Si tratta di indicazioni importanti che potrebbero vedere la luce nei prossimi giorni con il rinnovo del contratto per il quale è iniziato il confronto con i sindacati.

L’atto di indirizzo

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur