Assenze da “furbetti del weekend” saranno sanzionate, no regali ai pubblici dipendenti, licenziamento per molestie, novità del Contratto

WhatsApp
Telegram

Oggi è previsto il confronto all’Aran con le Organizzazioni sindacali sul rinnovo del contratto per i dipendenti pubblici.

Il Corriere anticipa le novità contenute nella bozza del nuovo contratto per gli statali, che la ministra per la PA Marianna Madia vorrebbe firmare “entro Natale”.

Un capitolo è dedicato alle “molestie in ufficio”. Si distinguono vari casi:

Comportamenti o molestie di carattere sessuale», non gravi: fino a 6 mesi di sospensione dal lavoro e dallo stipendio.

Comportamenti o molestie a carattere sessuale di particolare gravità: licenziamento

Recidiva nel biennio degli stessi comportamenti, anche non gravi: licenziamento.

I “furbetti del weekend”

Sarà prevista la sospensione e poi l’allontanamento dal posto di lavoro per i cosiddetti “furbetti del weekend”, ossia i dipendenti che si assentano in maniera strategica: nei giorni intorno al fine settimana o prima e dopo i festivi.

No regali ai pubblici dipendenti

La bozza del nuovo contratto prevede inoltre il licenziamento anche per l’impiegato statale che accetta o chiede per sé o per altri un regalo come contropartita.

Ricordiamo che ad oggi il dipendente può accettare regali fino a 150 euro. Al di sopra di questa cifra rischia il licenziamento.

Chi accetta regali superiori a 150 euro rischia il licenziamento. Dirigenti che non vigilano la sospensione

WhatsApp
Telegram

Concorso ordinario secondaria: diventerà annuale. Nessuna prova preselettiva. Eurosofia mette a disposizione i propri esperti