Argomenti Chiedilo a Lalla

Tutti gli argomenti

Assenza malattia docenti, i giorni per il viaggio vengono conteggiati

WhatsApp
Telegram

Assenza docenti per malattia: è sufficiente che la segreteria acquisisca la semplice attestazione rilasciata dal medico o dalla struttura, senza alcun ulteriore adempimento o formalità aggiuntive. Nei giorni di malattia rientrano quelli del viaggio per raggiungere la struttura presso la quale si svolge la visita o il docente si sottopone a terapia?

Il quesito della nostra lettrice:

Buongiorno. Non so dove posso trovare informazioni più dettagliate sulle assenze per malattia per noi insegnanti. Vi spiego la mia situazione: alcuni mesi mi hanno riscontrato una patologia che mi costringe a visite periodiche. Dovrò periodicamente spostarmi lontano da casa per delle terapie. I giorni in cui starò soprattutto in viaggio verranno considerati come malattia come gli altri? 

Come previsto dalla Circolare Ministeriale n. 301/1996, nell’assenza possono essere ricompresi i giorni del viaggio: nel caso in cui la struttura pubblica o privata si trovi in un’altra città e il personale avesse bisogno dei giorni di viaggio per raggiungere la struttura, questi devono essere conteggiati e considerati a tutti gli effetti come “assenza per malattia”.

Nel caso quindi il personale dovesse richiedere un permesso per visita specialistica fuori regione, per cui ha bisogno di qualche giorno in più che serve per raggiungere la struttura e per far ritorno a casa, può imputare tali giorni a “malattia” alla stessa stregua del singolo permesso.

Per rimanere aggiornato sulla gestione del personale scolastico, abbonati alla rivista “Gestire il personale scolastico”Vedi tutte le opzioni di abbonamento

WhatsApp
Telegram
Chiedilo a Lalla

Invia il tuo quesito a [email protected]
Le domande e le risposte saranno rese pubbliche, non si accettano richieste di anonimato o di consulenza privata.

ASUNIVER e MNEMOSINE, dottorato di ricerca in Spagna: cresci professionalmente e accedi alla carriera universitaria con tre anni di congedo retribuito