Assemblee sindacali: chi può indirle? Chiarimento dell’Aran

di redazione
ipsef

item-thumbnail

L’Aran, rispondendo ad un preciso quesito posto da un’Istituzione Scolastica, ha fornito dei chiarimenti in merito ai soggetti che possono richiedere un’assemblea sindacale per il personale del Comparto Istruzione e Ricerca.

Assemblee sindacali: chi può richiederle

L’articola 4, comma 2, del CCNQ del 4 dicembre 2017 prevede che le assemblee sindacali,riguardanti la generalità dei dipendenti o gruppi di essi, possono essere indette:

singolarmente o congiuntamente, con specifico ordine del giorno su materie di interesse sindacale e del lavoro, dai soggetti indicati nell’art. 3 (Dirigenti sindacali), comma 1, lettere da b) ad e) o dalla RSU unitariamente intesa.

Le assemblee, dunque, possono essere indette dai dirigenti sindacali o dalla RSU unitariamente.

Assemblee sindacali: triennio 2016-18

L’articolo 39 del summenzionato CCNQ aveva previsto una deroga a quanto suddetto, prevedendo che:

Le organizzazioni sindacali che, ai sensi dell’art. 10, comma 2, del CCNQ 13 luglio 2016, sono presenti alle trattative nazionali, in via eccezionale e limitatamente al triennio 2016-2018, hanno titolo ai diritti sindacali di cui agli artt. 4, 5 e 6 (4 – Diritto di assemblea – 5 – Diritto di affissione – 6 – Locali).

Essendo trascorso il periodo 2016-18, la deroga è venuta meno, per cui le assemblee possono essere indette soltanto dai soggetti sopra riportati (Dirigenti sindacali e RSU unitariamente).

Assemblee sindacali: l’USB non può indire assemblee

La risposta dell’Aran riguardava un’assemblea indetta dall’USB che ha usufruito, nel periodo 2016-18, della suddetta proroga, ormai superata, ragion per cui non poteva indirla.

Risposta Aran

Versione stampabile
anief banner
soloformazione