Assemblee sindacali: 10 ore per anno scolastico. Saranno sufficienti?

WhatsApp
Telegram

I sindacati hanno già annunciato assemblee sindacali e iniziative in tutto il territorio per discutere proposte contro il blocco di contratti e scatti di anzianità, nonche elaborare un giudizio sul Piano Scuola. Come partecipare.

I sindacati hanno già annunciato assemblee sindacali e iniziative in tutto il territorio per discutere proposte contro il blocco di contratti e scatti di anzianità, nonche elaborare un giudizio sul Piano Scuola. Come partecipare.

Breve guida su diritti e doveri dei lavoratori della scuola riuniti in assemble sindacali. Quante ore per anno scolastico, come fruirne, come organizzazione l’attività didattica.

La norma principale che regola la fruizione delle assemblee sindacali è l’art. 8 del CCNL vigente

Caratteristiche delle assemblee sindacali svolte in orario di lavoro

  • ogni dipendente può fruire di max n. 10 ore per ciascun anno scolastico (indipendentemente dal contratto)
  • la partecipazione all’assemblea non comporta alcuna decurtazione della retribuzione
  • si svolgono all’inizio o, di norma, al termine delle attività didattiche giornaliere di ogni scuola interessata all’assemblea
  • ciascuna assemblea può avere una durata massima di 2 ore se si svolge a livello di singola istituzione scolastica o educativa nell’ambito dello stesso comune. La durata massima delle assemblee territoriali è definita in sede di contrattazione integrativa regionale, in modo da tener conto dei tempi necessari per il raggiungimento della sede di assemblea e per il ritorno alla sede di servizio.
  • non possono essere svolte assemblee sindacali in ore concomitanti con lo svolgimento degli esami e degli scrutini finali.

Segui su Facebook le news della scuola e partecipa alle conversazioni. Siamo in 135mila

L’assemblea sindacale può essere convocata

per

  • soli docenti
  • solo personale ATA
  • tutti i lavoratori della scuola.

in quali orari

  • in orario di lavoro
  • fuori orario
  • in orario di attività funzionali all’insegnamento (riunioni,corsi).

L’assemblea sindacale può essere convocata dal singola organizzazione o in maniera congiunta con altre sigle. La comunicazione, con ordine del giorno, va inviata alle singole istituzioni scolastiche almeno 6 giorni prima, con comunicazione scritta, fonogramma, fax o e-mail, ai dirigenti scolastici delle scuole o istituzioni educative interessate all’assemblea.

Il Dirigente Scolastico la diffonde presso l’istituzione scolastica, comprese eventuali sezioni staccate, succursali e coordinate, e chiede al personale interessato, con orario di servizio coincidente con l’orario dell’assemblea, di presentare la domanda scritta individuale di partecipazione all’assemblea. La comunicazione va resa obbligatoriamente entro il limite stabilito con apposita circolare dal Dirigente al fine di permettere l’organizzazione dell’orario per quella giornata. La comunicazione è irrevocabile, in quanto vengono avvisate le famiglie dell’eventuale cambio di orario per quella giornata.

Come si calcolano le 10 ore? Il monte ore individuale  e la durata massima di ogni assemblea, stabiliti dal CCNL si riferiscono all’ora di 60 minuti, e non alla durata, in ciascuna istituzione scolastica, dell’unità oraria di lezione (altrimenti sarebbe impossibile mantenere equità). 

E’ possibile modificare l’orario delle lezioni nella giornata di assemblea sindacale?  La risposta è affermativa, il Dirigente Scolastico può predisporre modifiche all’orario di servizio annuale in ragione di circostanze sopravvenute, di contingenze che lo richiedano; in questo caso va infatti tutelato il diritto sia del docente che partecipa all’assemblea, sia del docente che non aderisce. 

La firma. La normativa non prevede obbligo di firma come attestazione della partecipazione all’assemblea. E’ possibile che l’organizzazione sindacale che ha indetto l’assembla richieda di firmare per avere un resoconto statistico della partecipazione, ma tale dato non può essere trasmesso alle scuole, nè è obbligatorio apporre la propria firma, anche se presenti all’assemblea.

Nè tantomeno può essere richiesta firma all’uscita dall’assemblea, anche se questa dovesse avvenire prima della conclusione dei lavori.

E’ l’etica professionale a indirizzare, in questo caso, la condotta del personale della scuola che partecipa all’assemblea.

L’USR Veneto ha predisposto una scheda di risposta ai quesiti  

1) Le Organizzazioni sindacali legittimate ad indire le assembleee
2) la richiesta di più di due assemblee nello stesso mese
3) la possibilità, per il personale, di partecipare a più assemblee nello stesso mese
4) partecipazione alle assemblee in caso di impegni pomeridiani.  Le risposte (attenzione, alcune fanno riferimento al contratto regionale Veneto)

L’a.s. 2014/15 si apre con molte novità. Oltre ai contenuti delle Linee guida, che vanno commentati e giudicati, si prospetta il blocco del contratto e degli scatti di anzianità, con retribuzioni ferme per tutti fino al 2019. Saranno sufficienti 10 ore di assemblee sindacali per coordinare le eventuali iniziative?

Scuola. Stagione di assemblee sindacali e petizione contro blocco contratto e scatti di anzianità

WhatsApp
Telegram

Concorso a cattedra ordinario secondaria, il corso Orizzonte Scuola: aggiornato con esempi di prova orale già pronti e simulatore EDISES per la prova scritta. A 150 EURO