Argomenti Consulenza fiscale

Tutti gli argomenti

Assegno unico, quando l’altro genitore può modificare la domanda?

WhatsApp
Telegram

Ecco quando è possibile modificare la domanda di assegno unico presentata dall’altro genitore.

Anche se ormai l’assegno unico è in vigore da due mesi continuano dubbi e perplessità da parte di molti nostri lettori. Rispondiamo, oggi, ad una lettrice che, per conto del marito, ci chiede:

Buongiorno, in fase di separazione con la sua ex compagna, il mio attuale marito aveva rinunciato agli assegni familiari.  Ora, la sua ex compagna ha fatto richiesta al 100% per l’ assegno unico, escludendo l’ altro genitore e dichiarando che quest’ultimo vi rinunciava (in realtà non è stato nemmeno informato in fase di richiesta) 
È corretto agire così? O mio marito può richiedere all’ INPS di percepire il 50% dell’ assegno unico, essendo esso “la somma del vecchio assegno familiare e delle detrazioni in busta paga”? 
Grazie per l’attenzione
Cordiali saluti

Assegno unico e domanda modificata

La risposta alla sua domanda è “dipende”. Se non c’è un provvedimento del Giudice che stanzia i contributi statali per i figli soltanto alla mamma e se suo marito non ha sottoscritto con l’ex compagna un accordo privato per l’assegnazione in via esclusiva degli assegni al nucleo familiare, la domanda può essere modificata. Se invece esiste provvedimento del Giudice o accordo privato sottoscritto non potrà procedere alla modifica.

Per farlo deve entrare con le proprie credenziali (SPID, CIE o CNS) sul sito dell’INPS alla pagina dedicata all’assegno unico. Lì scegliere di modificare la domanda presentata dall’altro genitore (ci risale facilmente perchè l’ex compagna nella compilazione deve aver indicato il codice fiscale di suo marito) e scegliere la ripartizione del beneficio al 50%. Dovrà indicare anche il metodo di pagamento scelto per l’accredito.

WhatsApp
Telegram
Consulenza fiscale

Invia il tuo quesito a [email protected]
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Concorso per dirigenti scolastici. Corso preparazione: 285 ore di lezione, simulatore Edises con 14mila quiz e modulo informatica. Nuova offerta a 299 euro