Argomenti Consulenza fiscale

Tutti gli argomenti

Assegno unico per famiglie con figli a carico, chiarimenti sulle maggiorazioni

WhatsApp
Telegram

Vediamo come funzionano le due maggiorazioni previste dall’assegno unico per i figli a carico.

Si entra nel vivo dell’assegno unico e universale per le famiglie con figli a carico la cui domanda è presentabile da inizio anno. L’erogazione del beneficio, in ogni caso, partirà solo da marzo e, anche per domande presentate entro il 30 giugno 2022 sarà possibile ricevere gli arretrati a decorrere dal mese di marzo. Per domande presentare dal 1 luglio in poi, invece, gli arretrati non saranno corrisposti.

Rispondiamo alla domanda di un nostro lettore che ci scrive:

Buongiorno,
chiedo gentilmente consulenza su un punto del nuovo assegno unico universale. Tale assegno gode di una maggiorazione per i nuclei familiari con isee inferiore a 25.000 euro in cui entrambi i genitori siano percettori di reddito. Questo requisito deve essere posseduto nel momento di presentazione della domanda? Come agire in presenza del coniuge con contratto a tempo determinato o stagionale a partire da maggio?  Grazie in anticipo per il servizio che offrite

Maggiorazioni assegno unico

Le maggiorazioni previste per l’assegno unico sono due e non una come lei immagina.

La prima prevede una maggiorazione di 30 euro per ogni figlio per i nuclei familiari che hanno reddito fino a 25000 euro. Questa maggiorazione prescinde dalla tipologia di lavoro svolto e dalla percezione degli ANF negli anni passati ma sarà valida solo per tre anni (serve come transizione per il passaggio da ANF ad assegno unico).

La seconda maggiorazione è prevista per i nuclei familiari in cui entrambi i genitori (non importa se sono sposati, separati, divorziati o non sposati) siano titolari da reddito da lavoro a condizione che nel 2021 abbiano fruito dell’assegno al nucleo familiare.

Nel suo caso, quindi, se avete un ISEE inferiore ai 25mila euro la prima maggiorazione spetta. La seconda maggiorazione prevede che entrambi i genitori abbiano reddito da lavoro (ed è indifferente il fatto che siano stagionali o meno, si fa fede sempre all’anno fiscale) e potete fruirne a patto che lo scorso anno abbiate richiesto gli assegni al nucleo familiare.

Prevedendo la domanda diverse complessità il mio consiglio è sempre quello di rivolgersi ad un patronato per la presentazione; in questo modo non si rischia di sbagliare.

WhatsApp
Telegram
Consulenza fiscale

Invia il tuo quesito a [email protected]
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur