Argomenti Consulenza fiscale

Tutti gli argomenti

Assegno Unico, ISEE e diminuzione dell’assegno di mantenimento ai figli: chiarimenti

WhatsApp
Telegram
Isee

Sempre molto difficile determinare quali sono i redditi da inserire nell’ISEE e quando il genitore non convivente rientra come componente attratta o aggiuntiva nell’ISEE dei figli.

Ormai siamo entrati nel vivo dell’Assegno Unico che proprio da questo mese inizierà ad essere erogato per i figli con età inferiore ai 21 anni. Anche se la misura è entrata in vigore restano comunque molte criticità, soprattutto per i nuclei familiari non tradizionali.

Rispondiamo alla domanda di un nostro lettore che ci scrive:

Salve,

ho un figlio minorenne è una figlia maggiorenne che vivono con a madre. Non siamo mai stati sposati e non conviviamo assieme. Verso l’assegno di mantenimento per entrambi i figli. 
Nel mio nucleo familiare c’è mi a sorella perché la casa in cui vivo è di entrambi al 50% e non pago affitto. Per far uscire mia sorella dal nucleo familiare deve cambiare residenza e così paga IMU seconda casa. Quindi ISEE complicato per aver AUU 

A fronte di questa situazione, la madre dei miei figli può fare domanda dell AUU al 100% solo per se stessa MA con diminuzione dell’assegno di mantenimento. Se si, devo rivolgermi al giudice o si può fare il calcolo da soli civili? 

Assegno unico e criticità

Nel caso dei genitori non sposati serve l’ISEE minorenni in cui rientra, quasi sempre, anche il genitore non convivente o come componente aggiuntiva o come componente attratta. Nel caso specifico lei non essendo sposato con persona diversa dall’altro genitore e non avendo altri figli con altre donne, rientra nell’ISEE dei suoi figli come componente aggiuntiva.

L’ISEE, quindi, anche se lo presenta la sua ex compagna e anche se decide di prendere il 100% lei stessa, ha sempre bisogno dei redditi del padre. Non è influente in tal senso che lei richieda la sua quota del 50%. Lei è il padre e rientra nell’ISEE dei suoi figli (che vivendo con la madre, a loro volta, sono nell’ISEE della mamma).

Potete decidere di richiedere il 50% ciascuno dell’assegno unico o decidere di fare percepire il 100% alla mamma, ma in ogni caso il suo ISEE o i suoi redditi sono necessari. Se non vuole fare l’ISEE perchè dovrebbe inserire anche sua sorella, la soluzione potrebbe essere quella di dare alla mamma i dati solo delle sue giacenze, dei suoi redditi e di tutto quello che serve per compilare la DSU. Provvederà poi il CAF ad inserirla insieme ai suoi redditi ed i suoi patrimoni nell’ISEE dei suoi figli come componente aggiuntiva (sua sorella in ogni caso non vi rientra).

Quello che va compreso che il suo ISEE è un conto, l’ISEE dei suoi figli un altro. Nel suo ISEE personale rientra anche suo sorella. Nell’ISEE dei suoi figli è attratto o aggiunto solo lei. Ma proprio per questo motivi, in casi come il vostro, è sempre meglio rivolgersi ad un CAF o un patronato per la compilazione del modello ISEE.

Poi se decide di far prendere il 100% alla mamma e lei vuole scalare il suo 50% spettante dall’assegno di mantenimento è sempre bene far redigere una documentazione al riguardo dall’autorità giudiziaria poichè in futuro, in caso di incomprensioni o eventuali tensioni, è sempre possibile che venga accusato di non aver corrisposto l’intero assegno di mantenimento ai suoi figli. Molto più facile, a mio avviso, che ognuno di voi percepisca il 50% spettante visto che in un modo o nell’altro i suoi redditi dovranno rientrare nell’ISEE.

 

WhatsApp
Telegram
Consulenza fiscale

Invia il tuo quesito a [email protected]
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio.

TFA sostegno VII ciclo. Solo poche settimane per prepararti. Non perderti gli incontri interattivi di Eurosofia