Argomenti Consulenza fiscale

Tutti gli argomenti

Assegno Unico anche senza ISEE ma con importo ridotto

WhatsApp
Telegram

Assegno Unico anche senza ISEE ma l’importo spettante è sensibilmente ridotto e non spettano alcune maggiorazioni.

L’assegno unico, misura che entrerà definitivamente in funzione a marzo 2022 anche se sarà possibile presentare la domanda a partire da gennaio 2022, è erogato in funzione della condizione economica delle famiglie, al numero di figli a carico e proprio per questo sarà erogata in misura differente sulla base dell’indicatore ISEE.

Per non tagliare fuori dalla misura tutti quei nuclei familiari che si trovano sprovvisti di ISEE, l’assegno, in misura minore, è garantito anche a coloro che non presentano la dichiarazione (poichè in molti casi di genitori non sposati e non conviventi si ha difficoltà a reperire l’ISEE del secondo genitore da inserire come componente aggiuntiva).

Rispondiamo alla domanda di una lettrice che ci chiede:

Io ho due figli minori, li ho avuti con un uomo con il quale non ero unita in matrimonio ed ora, a distanza di qualche anno, la nostra relazione si è interrotta in modo brusco. Non siamo più in buoni rapporti e lo scorso anno non ho potuto usufruire delle agevolazioni mensa scolastica proprio perchè il padre non mi ha fornito il proprio ISEE per il calcolo della componente aggiuntiva (che a quanto pare è obbligatoria). Se non ho l’ISEE minorenni potrò richiedere lo stesso l’assegno unico? Oppure a causa di un padre che non collabora perderò il diritto?

Assegno unico anche senza ISEE

Anche coloro che non sono in possesso dell’ISEE potranno richiedere l’assegno unico ma l’importo spettante sarà minore.  Per presentare la domanda di assegno unico senza ISEE sarà necessario autodichiarare in sede di domanda la composizione del nucleo familiare (che altrimenti sarebbe stata desunta dall’ISEE).

Con l’istanza che si presenta, quindi, si fornirà all’INPS la propria domanda a richiedere l’assegno unico ma anche ad indicare la composizione del nucleo familiare.

In mancanza di un indicatore ISEE, in ogni caso, l’importo dell’assegno unico spettante sarà quello calcolato per i nuclei familiari in cui c’è un ISEE con indicatore superiore ai 40mila euro. Gli importi spettanti, quindi, saranno di:

  • 50 euro al mese per ogni figlio minorenne (con ISEE inferiore a 15mila euro spetterebbero 175 euro mensili per ogni figlio minorenne)
  • 25 euro al mese per ogni figlio maggiorenne fino al compimento dei 21 anni (con ISEE inferiore a 15mila euro spetterebbero 85 euro mensili).

Senza ISEE, inoltre, non sono riconosciute le maggiorazioni per i figli successivi al secondo (15 euro al mese), per i figli con diabilità minorenni (85 euro mensili) e per figli disabili con età superiore ai 21 anni (25 euro mensili).

WhatsApp
Telegram
Consulenza fiscale

Invia il tuo quesito a [email protected]
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio.

ASUNIVER e MNEMOSINE, dottorato di ricerca in Spagna: cresci professionalmente e accedi alla carriera universitaria con tre anni di congedo retribuito