Assegni nucleo familiare: quali redditi e di quali componenti del nucleo si devono inserire per gli ANF

di Consulente Fiscale

item-thumbnail

Quali sono i redditi da indicare nella richiesta per gli ANF? Quelli del compagno convivente con il genitore vanno inclusi?

Salve sono madre single con a carico al 100% i miei due figli. La grande ha da poco compiuto 18 anni.

Da 3 anni convivo con il mio nuovo compagno (non è padre dei miei figli). Il padre dei miei figli ha perso la patria podestà anni fa con sentenza del tribunale dei minori di Bologna.

Io sono dipendente dell’Asl il mio.compagno dipendente privato.

Come devo comportarmi con gli anf? Noi siamo tutti sullo stesso stato di famiglia. Residenti insieme. Io ed il mio compagno abbiamo dichiarato in comune la nostra unione. Siamo entrambi titolari dello stesso mutuo e dello stesso conto corrente. Devo includere anche il suo reddito nella richiesta?

Grazie infinite

L’importo dell’assegno viene calcolato sulla composizione del nucleo familiare (numero dei componenti) e sul reddito complessivo del suddetto nucleo. Ma è da tenere presente che il nucleo familiare richiesto per gli ANF non è quello che si può desumere dall’anagrafe del Comune, in quanto, ad esempio, un figlio che compie i 18 anni non viene più considerato nel nucleo familiare dell’assegno (sia per numero di componenti che per eventuali redditi prodotti).

I componenti che possono formare il nucleo familiare utile agli ANF sono:

  • richiedente lavoratore o titolare della pensione;
  • coniuge/parte di unione civile che non sia legalmente ed effettivamente separato o sciolto da unione civile, anche se non convivente, o che non abbia abbandonato la famiglia;
  • figli ed equiparati di età inferiore a 18 anni, conviventi o meno;
  • figli ed equiparati maggiorenni con inabilità assoluta e permanente a proficuo lavoro purché non coniugati, previa autorizzazione;
  • figli ed equiparati, studenti o apprendisti, di età superiore ai 18 anni e inferiore ai 21 anni, purché facenti parte di “nuclei numerosi”, cioè nuclei familiari con almeno quattro figli tutti di età inferiore ai 26 anni, previa autorizzazione;
  • fratelli, sorelle del richiedente e nipoti (collaterali o in linea retta non a carico dell’ascendente), minori o maggiorenni, inabili a proficuo lavoro solo se sono orfani di entrambi i genitori, non hanno conseguito il diritto alla pensione ai superstiti e non sono coniugati, previa autorizzazione;
  • nipoti in linea retta di età inferiore a 18 anni e viventi a carico dell’ascendente, previa autorizzazione.

L’eventuale compagno  convivente o nuovo coniuge del genitore , quindi, non rientra nel nucleo familiare, anche se presente nello stato di famiglia e i suoi redditi, di conseguenza, non andranno indicati nella richiesta.

Invia il tuo quesito a [email protected]

I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio

Versione stampabile