Argomenti Consulenza fiscale

Tutti gli argomenti

Assegni al nucleo familiare giovane coppia non sposata: chi li richiede?

Stampa
Assegni familiari il 70%

L’assegno al nucleo familiare conviene che lo richieda il padre o la madre in caso di genitori non sposati? Facciamo qualche valutazione.

I neo genitori, soprattutto se molto giovani e se alle prime armi con la burocrazia, non sempre sanno come affrontare, dopo la nascita di un figlio, la presentazione della domanda di assegni al nucleo familiare. Spettano? A chi dei due? E se non siamo sposati? Rispondiamo ai dubbi di un nostro lettore che ci chiede:

Buonasera, vorrei avere informazioni riguardo il seguente caso: io e la mia compagna tra qualche settimana avremo il nostro primo figlio. Io sono un dipendente privato e lei disoccupata. Non siamo né sposati ne conviventi al momento, perciò in attesa staremo a casa dei suoi genitori. In questo caso chi deve richiedere l’assegno e come funziona questa operazione?
Grazie

ANF giovane coppia

L’assegno al nucleo familiare può essere richiesto, nel caso di genitori non sposati, solo da un genitore che convive con i figli. Se entrambi vivrete insieme a casa dei genitori di lei, quindi, entrambi avete diritto a richiedere l’assegno al nucleo familiare per il bambino che è in arrivo.

Attenzione, però. Gli ANF spettano soltanto a lavoratori dipendenti e pensionati e, pertanto, a richiederli non potrà essere la mamma del bambino che è disoccupata. Potrà richiederli lei, ma solo a patto di avere la stessa residenza del bambino (deve, quindi, non solo andare a vivere con la sua compagna ma anche cambiare la residenza da quella che ha attualmente).

In questo caso i redditi da indicare nella domanda saranno soltanto i suoi e non quelli dei genitori di lei, anche se saranno conviventi con voi.

In alternativa, però, se lei decidesse di non mutare la sua residenza la sua compagna potrebbe richiedere l’assegno temporaneo per i figli a carico (in corso da luglio a dicembre 2021 e poi sostituito dall’assegno unico dal 1 gennaio 2022). In questo caso, però, richiedendo l’assegno temporaneo l’ISEE in corso di validità, faranno cumulo i redditi di tutte le persone conviventi, anche i genitori di lei.

Da tenere presente, in ogni caso, che dal 1 gennaio 2022 l’assegno unico prenderà il posto anche dell’assegno al nucleo familiare e a quel punto sarà necessario l’ISEE a prescindere.

Stampa
Consulenza fiscale

Invia il tuo quesito a [email protected]
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Concorsi ordinari docenti entro il 2021, anche DSGA. Preparati con CFIScuola!