Argomenti Consulenza fiscale

Tutti gli argomenti

Assegni al nucleo familiare genitori non sposati: chi chiede l’ANF?

Stampa
Assegni familiari il 70%

In caso di genitori non sposati e non conviventi solo quello convivente con i figli può richiedere l’erogazione dell’assegno al nucleo familiare.

Come si richiedono gli assegni al nucleo familiare quando i genitori non sono sposati ma non risultano neanche conviventi? Vediamo il caso rispondendo alla domanda di una lettrice:

Buongiorno, illustro la mia situazione per avere un consiglio su come procedere.
Ringrazio anticipatamente per la disponibilità.
Io e il mio compagno abbiamo un figlio di 3 anni, ma non abbiamo ancora fatto richiesta degli assegni familiari. 
La nostra situazione e la seguente
Io, la mamma, sono farmacista con contratto full time di 40 ore settimanali.
Il papà dipendente società elettrica anche lui full time anche lui con non meno di 40 ore settimanali. Io ho mantenuto la mia residenza da “single” nel mio appartamento, dove risiede anche mia sorella, per cui anche lei insieme a mio figlio è nel mio nucleo familiare. Il papà  ha invece a residenza  da solo.
Il reddito mio e del mio compagno non è molto diverso. Nostro figlio è a carico al 50 %
A chi conviene richiedere gli assegni?
Il fatto che mia sorella sia nel mio nucleo familiare incide nella somma delle assegno familiare?
Grazie

ANF genitori non sposati e non conviventi

Nel caso dei genitori non sposati e non conviventi a poter richiedere l’assegno al nucleo familiare per i figli  potrà essere soltanto il genitori che risulta essere convivente con essi.

Nel vostro caso, non avendo lei e il suo compagno stessa residenza ed avendo suo figlio residenza con lei, a poter richiedere gli ANF con il bambino è soltanto lei.

Nel nucleo familiare ANF, nonostante risulti essere residente con voi anche sua sorella, rientrate, però, soltanto lei e suo figlio. Il nucleo familiare ai fini ANF, infatti, non tiene conto di tutti i familiari conviventi ma include soltanto il richiedente, l’eventuale coniuge, i figli (minorenni ed eventualmente maggiorenni ma solo in determinate situazioni), eventuali fratelli e sorelle minorenni e a carico ed altri familiari ma solo nel caso siano a carico del richiedente.

Il fatto che sua sorella, quindi, sia convivente con lei e suo figlio non incide nella determinazione dell’assegno mensile spettante. Per richiedere gli assegni dovrà prima di tutto richiedere autorizzazione di inclusione di suo figlio nel suo nucleo familiare ANF (la cosa è richiesta quando la famiglia non è “tradizionalmente” composta da genitori sposati e figli) e solo dopo procedere alla richiesta vera e propria di erogazione delle somme spettanti.

Stampa
Consulenza fiscale

Invia il tuo quesito a [email protected]
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Graduatorie terza fascia ATA: incrementa il punteggio con le offerte Mnemosine, Ente accreditato Miur