Assegnazioni provvisorie, una proposta per una scuola di qualità

Di Lalla
Stampa

red – Riceviamo l’e mail della collega Maria Rosetta, per la quale ravvisa la possibilità di concedere ai docenti di ruolo l’assegnazione provvisoria su tutte le discipline e i posti di insegnamento per cui si è in possesso di abilitazione determina un abbassamento della qualità dell’istruzione (a volte si occupano posti per i quali non si ha adeguata competenza professionale) e il nodo cruciale per l’assegnazione di un numero maggiore di supplenze ai precari.

red – Riceviamo l’e mail della collega Maria Rosetta, per la quale ravvisa la possibilità di concedere ai docenti di ruolo l’assegnazione provvisoria su tutte le discipline e i posti di insegnamento per cui si è in possesso di abilitazione determina un abbassamento della qualità dell’istruzione (a volte si occupano posti per i quali non si ha adeguata competenza professionale) e il nodo cruciale per l’assegnazione di un numero maggiore di supplenze ai precari.

Maria Rosetta – Io sono un’insegnante di ruolo a Milano che chiede ogni anno l’assegnazione provvisoria interprovinciale e purtroppo quest’anno sono rimasta senza posto…quindi siamo già come vedete penalizzati pur
essendo di ruolo. Non ho intenzione di fare la vittima perchè non ne avrei motivo visto che in passato sono andata a Milano a farmi il precariato e poi ho avuto il ruolo. Sacrifici sicuramente ma alla fine il ruolo è arrivato e poichè i tagli ci sono per tutti e non solo i precari io direi anzi chiederei di riguardare un pò tutta la normativa scolastica soprattutto quella che regola le assegnazioni.

Io sono stata penalizzata perchè secondo me non va data la possibilità della seconda o terza preferenza avendo l’abilitazione perchè è lì che si perdono tanti posti. vi faccio l’esempio mio…io titolare di inglese alle medie ho la possibilità di esprimere tante preferenze quante abilitazioni possedute quindi nel mio caso se va male alle medie posso essere ripescata sulle superiori e se va male qui anche sulle materne perchè ho tre abilitazioni…infatti sono stata ripescata sulle materne pur non avendo esperienza in quel campo.

Non so se sono stata chiara ma io in questo modo ho tolto un posto ad un precario e sapete quante persone facendo così tolgono i posti ai precari. secondo me va data una sola possibilità ed è quella della propria titolarità quindi se non ci sono posti alle medie in inglese io devo ritornare a milano.

Quindi io chiedo che vada rivista la normativa e soprattutto la sequenza operativa.

Quest’anno una docente titolare in provincia sulla scuola materna ha avuto l’assegnazione alle medie su inglese per la sola abilitazione e quale seconda preferenza ….io titolare sulle medie in inglese sono andata in una scuola materna perchè interprovinciale NON E’ UN CONTROSENSO? La sequenza operativa prevede la precedenza dei non titolari in provincia benchè abilitati su un titolare fuori provincia questo è per me assurdo. In questo modo si tolgono tanti posti ai precari e soprattutto nessuno insegna laddove ha esperienza ma diventa un tappabuchi solamente.

L’obiettivo deve essere un altro….scuola di qualità e certo facendo così non lo è.

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia