Assegnazioni provvisorie su sostegno senza titolo, motivi e requisiti per presentare domanda

di redazione
ipsef

item-thumbnail

“Quest’anno a luglio farò domanda di assegnazione provvisoria su una scuola più vicina a casa mia e vorrei sapere cosa devo fare x poter insegnare sul Sostegno… Dovrei parlare con il Dirigente scolastico delle scuole che indico in domanda?”

Rispondiamo alla nostra lettrice, ricordando quanto previsto dall’Ipotesi di CCNI sulle utilizzazioni e assegnazioni provvisorie, firmata nella giornata di ieri.

Assegnazioni provvisorie 2019/20, contratto firmato. Le novità

Motivi per chiedere assegnazione

Ricordiamo dapprima i motivi per i quali è possibile richiedere assegnazione provvisoria:

  • ricongiungimento ai figli o agli affidati di minore età con provvedimento giudiziario;
  • ricongiungimento al coniuge o alla parte dell’unione civile;
  • ricongiungimento al convivente (compresi i parenti e gli affini) purché la stabilità della convivenza risulti da certificazione anagrafica;
  • gravi esigenze di salute del richiedente comprovate da idonea certificazione sanitaria;
  • ricongiungimento al genitore.

Lo scorso anno  è stato eliminato il requisito della convivenza per avvicinarsi al genitore ed è stato chiarito che fra i conviventi rientrano anche i parenti e gli affini

Assegnazioni su sostegno

Fermo restando le condizioni succitate, anche per il prossimo anno scolastico sarà possibile presentare domanda di assegnazione provvisoria interprovinciale su sostegno senza titolo di specializzazione.

Le condizioni per poter presentare la domanda succitata sono le seguenti:

  • stare per concludere il percorso di specializzazione sul sostegno o
  • in subordine, aver prestato un almeno un anno di servizio, anche a tempo determinato – su posto di sostegno.

L’assegnazione su posti di sostegno di docenti privi di titolo di specializzazione, secondo le succitate condizioni, è disposta:

  • in subordine al personale fornito di titolo di specializzazione;
  • solo dopo aver accantonato un numero di posti pari ai docenti forniti di titolo di sostegno presenti nelle GAE nonché nelle graduatorie di istituto ivi comprese le fasce aggiuntive.

Conclusioni

Se la nostra lettrice rientra in una delle condizioni succitate potrà presentare domanda di assegnazione provvisoria interprovinciale su sostegno senza titolo di specializzazione e non dovrà parlare con nessun dirigente. Otterrà il movimento richiesto solo se le spetterà  in base alla graduatoria che sarà stilata e al numero di posti disponibili  dopo i suddetti accantonamenti.

Evidenziamo che per chiedere assegnazione su sostegno sarà necessario chiederla anche per la classe di concorso/posto di titolarità. La richiesta di posti di sostegno è naturalmente in subordine rispetto a quella per la classe di concorso/posto

Versione stampabile
anief banner
soloformazione